Caso Martina Rossi, la difesa: "Albertoni? Somigliava all'ex fidanzato, per questo è andata in crisi". Chiusa oggi l'istruttoria

Ultima udienza prima della requisitoria del procuratore. Agli atti un foto del giovane nel 2011, ma anche uno studio sugli effetti di un medicinale. Commissario di polizia in aula per chiarimenti sulle intercettazioni.

Chi parlava al telefono? Chi diceva cosa? E' tornata in aula, per alcuni chiarimenti tecnici sulle intercettazioni relative al caso della morte di Martina Rossi, la commissaria Luna Buono. Testimone già chiamata e ascoltata dall'accusa, oggi ha ripercorso alcuni momenti delle intercettazioni. Questo perché in alcune parti delle trascrizioni svolte da un perito  non erano state indicate le persone che parlavano. Alcune frasi dunque potevano risultare ambigue, e il rischio di non capire chi diceva cosa è stato sconguirato quest'oggi con i chiarimenti da parte della poliziotta.

Quella che si è celebra quest'oggi presso il tribunale di Arezzo è stata un'udienza di tipo tecnico, che ha visto i legali dei due ragazzi imputati - Alessandro Albertoni e Luca Vanneschi- depositare alcuni documenti.  Tra questi anche una foto risalente a quel 2011 di Albertoni: il suo avvocato, Tiberio Baroni, ha chiesto di metterla agli atti per sottolineare la somiglianza tra il suo assistito e l'ex fidanzato di Martina. Lo stesso Baroni ha presentato anche una querela nei confronti di un dei testi dell'accusa. 

intercettazione martina rossiIl difensore di Vanneschi ha invece depositato alcuni studi scientifici relativi al nesso rilevato tra l'uso della Paroxetina (farmaco utilizzato in casi di stress, ansia e depressione( e suicidio. "Uno studio - ha spiegato Buricchi - che mostra come su 93 casi clinici seguiti, 11 siano culminati con atti suicidi e autolesionistici". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'istruttoria del processo di primo grado si è conclusa così: adesso le ultime due tappe prima della sentenza. Il 6 dicembre è prevista la requisitoria del procuratore Rossi e delle parti civili (rappresentate dagli avvocati Fanfani e Savi) e il 10 le arringhe dei difensori. La sentenza è attesa per il 14 dicembre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento