Martedì, 27 Luglio 2021
Cronaca Centro Storico / Via Salvi Castellucci

"In manette il rapinatore del Penny Market", sul comodino una pistola scacciacani usata per i colpi

Ad individuarlo e arrestarlo sono stati gli agenti della Squadra Mobile di Arezzo, guidata da Francesco Morselli, che con un intenso lavoro di indagini hanno scoperto l'identità del giovane. 

Lo hanno braccato e nel giro di qualche giorno hanno stretto il cerchio intorno a lui. E' finito così in manette il giovane ritenuto responsabile di due rapine a mano armata che nelle ultime settimane hanno scosso Arezzo:la prima presso la pizzeria d’asporto “Master Pizza”  e la seconda presso il supermercato “Penny Market”.

Ad individuarlo e arrestarlo sono stati gli agenti della Squadra Mobile di Arezzo, guidata da Francesco Morselli, che con un intenso lavoro di indagini hanno scoperto l'identità del giovane. 

Il cerchio si è chiuso ieri sera, quando i poliziotti, individuata la sua abitazione, hanno svolto una perquisizione. In casa è stata trovata l’arma, rivelatasi poi una scacciacani, e due felpe usate dal malvivente nelle due rapina. Sul comodino, di fianco al letto del giovane, sono state trovate anche tracce di cocaina.
L’uomo, un giovane disoccupato rumeno che annovera alcune segnalazioni come assuntore di sostanze stupefacenti, è stato condotto presso il carcere di Arezzo in attesa che l’Autorità Giudiziaria si pronunci sulla convalida del fermo. 

Due rapine 

Due gli episodi imputati al 25enne. Il primo risale al 20 novembre scorso: erano quasi le 20 quando, cappuccio in testa, volto travisato ed pistola in pugno, è entrato in una  pizzeria d’asporto del centro facendosi consegnare i soldi custoditi nel registratore di cassa. Un bottino misero, di circa circa sessanta euro, ma tanta paura per la ragazza che lavora njel locale, la quale si è vista puntare in faccia una pistola.

Il 10 dicembre scorso il secondo colpo, questa volta al supermercato “Penny Market” di via Castellucci. Erano le 20,30 circa, quando il negozio stava chiudendo e i dipendenti si stavano apprestando a pulire i locali del supermercato. E' stato allora che un uomo incappucciato,  una pistola in mano ha intimato ad un cassiere di consegnare l’incasso della giornata. Quasi 700 euro in banconote di piccolo taglio che il rapinatore ha preso dileguandosi immediatamente.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"In manette il rapinatore del Penny Market", sul comodino una pistola scacciacani usata per i colpi

ArezzoNotizie è in caricamento