Giovane mamma morta durante il travaglio, disposta l'autopsia. Cartella sanitaria sequestrata dai Carabinieri

Sulla tragedia avvenuta nella notte tra sabato e domenica all'ospedale della Gruccia la Procura di Arezzo vuole fare chiarezza. Nelle prossime ore sarà conferito l'incarico ai medici di medicina legale che svolgeranno l'accertamento

Una tragedia avvenuta in un momento che doveva essere di gioia. Una mamma di 31 anni è morta durante il travaglio, poco prima di poter abbracciare la sua terza bimba nata nella notte tra sabato e domenica all'ospedale della Gruccia. Fatale, per la giovane donna nigeriana, è stato un attacco cardiaco. Una vicenda che ha scosso il Valdarno e sulla quale la procura di Arezzo vuole vederci chiaro.

E' stato infatti aperto un fascicolo che permetterà di svolgere le indagini necessarie. Questa mattina i militari dell'Arma hanno acquisito la cartella clinica della 31enne, mentre la salma resterà a disposizione dell'autorità giudiziaria nell'obitorio dell'ospedale della Gruccia. Nelle prossime ore la pm che si occupa della drammatica vicenda, Julia Maggiore, affiderà l'incarico ai medici che dovranno eseguire l'accertamento volto a chiarire il perché di quella morte e se, in qualche modo, il decesso potesse essere evitato. 

La tragedia durante il travaglio

La giovane donna - di origini nigeriane, mamma di due bimbe e residente a Montevarchi - era alla 41esima settimana di gravidanza. La nascita della piccola era attesa da un momento all'altro. Nella notte tra sabato e domenica si è innescato il travaglio: con il marito ha chiamato il 118 ed una ambulanza l'ha portata in ospedale. Erano le 3 del mattino di domenica 14 giugno. Pare che il marito l'avrebbe raggiunta non appena affidate le altre due bambine ai vicini che si erano resi disponibili ad accudirle.  

Un arresto cardiaco durante il travaglio: muore giovane mamma. Salva la bambina

La 31enne era seguita dai servizi ambulatoriali del Valdarno e aveva espresso la volontà di avere nuovamente un parto naturale. La prima figlia infatti era nata con un cesareo, mentre la sorellina era venuta alla luce in modo spontaneo. Anche per questa terza bimba la madre avrebbe chiesto di partorire senza uso di farmaci e senza ricorrere all'intervento chirurgico.

Ma qualche ora dopo il ricovero la situazione è precipitata: il medico ha eseguito perciò un taglio cesareo d'urgenza. L’arresto cardiaco sarebbe sopraggiunto pochi istanti dopo la nascita della bambina. Inutili i tentativi di rianimazione messi in atto. Per precauzione e in ragione del contesto della nascita, la piccola è stata comunque trasferita alla terapia intensiva neonatale del policlinico Le Scotte di Siena.

L'indagine interna della Asl

La Asl ha subito avviato un'indagine interna e informato dei fatti la Regione Toscana e il Ministero della Salute. Per questa mattina era in programma un riscontro diagnostico. L'intervento della magistratura, come prevede la legge, ha interrotto l'iter interno per dare la precedenza agli accertamenti degli inquirenti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento