Mesi di violenze e minacce in famiglia: arriva il divieto di avvicinamento a moglie e figlia

Una vicenda che risale ai primi giorni di maggio quando un uomo fu denunciato dopo ripetuti episodi di vessazione, calci, pugni e insulti

Mesi di soprusi, minacce e violenza, la vita di una madre e di una figlia sull’orlo del baratro. Vittime di un marito feroce, di un padre aggressivo. Impaurite e senza certezze si erano rivolte all’inizio del mese di maggio scorso ai carabinieri del comando stazione di Anghiari: al centro della vicenda, ripetuti episodi di vessazione, calci, pugni e insulti, anche minacce di morte rivolte a entrambe. Quasi un anno di soprusi, subiti in silenzio.

I militari con una rapida indagine hanno raccolto dettagliati riscontri e ricostruito minuziosamente maltrattamenti, comportamenti ostili e vessazioni che avevano portato alla denuncia all’autorità giudiziaria del padre padrone e al collocamento della donna e della minore in un luogo sicuro. Nella giornata di ieri nei confronti dell’uomo è scattata la misura cautelare del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla compagna convivente e dalla figlia minore. Gli è stato inoltre intimato di non contattare in alcun modo le vittime. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento