Maltempo in Casentino, Toni: "Emergenza finita, servono investimenti su linee Enel di vecchia generazione"

L’esercitazione prima e la neve in Casentino poi, il piano integrato di protezione civile presentato oggi in Provincia è, ovviamente, già a regime, da anni. Si tratta di un documento dinamico che viene costantemente aggiornato e che coordina e...

protezione-civile3

L’esercitazione prima e la neve in Casentino poi, il piano integrato di protezione civile presentato oggi in Provincia è, ovviamente, già a regime, da anni. Si tratta di un documento dinamico che viene costantemente aggiornato e che coordina e cerca di far parlare con lo stesso linguaggio tutti gli enti e le associazioni coinvolte in fase preventiva e di intervento in emergenza, sotto il cappello della Prefettura e della Provincia di Arezzo.

L'ultima scesa in campo in ordine di tempo è di poche ore fa con la nevicata e il vento che si sono abbattuti sul Casentino creando notevoli disagi per una giornata nel comune di Poppi e soprattutto a Badia Prataglia, frazione rimasta senza energia elettrica e senza collegamenti telefonici.

A fare il punto della situazione il sindaco di Poppi Carlo Toni:

"La situazione è sotto controllo, sono stati ripristinati tutti i servizi, linee elettriche e telefoniche. L'emergenze è durata una giornata, le strade sono state pulite."

Il piano di protezione civile ha funzionato?

"Certo che ha funzionato, perché tutti i soggetti si sono attivati, in primis i vigili del fuoco ai quali si sono aggiunti personale dell'Unione dei Comuni, del Comune di Poppi, i volontari, i forestali, tutti hanno dato il loro contributo. Purtroppo nell'emergenza abbiamo dei tempi, non può essere risolto tutto nella prima ora, se le squadre sono al lavoro da una parte, non possono essere contemporaneamente da altre parti, ma noi non lasciamo indietro nessuno. L'Enel ad esempio quando si è resa conto che non riusciva a risolvere i guasti perché non erano vicino alle case, ma nei boschi, ha attivato i gruppi elettrogeni."

A proposito di Enel, il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha puntato il dito sulla manutenzione necessaria e sulla distanza tra i pali della luce e gli alberi:

"La regola c'è, prevede i sei metri di distanza, va rispettata. Se ci sono linee di vecchia generazione servono investimenti per migliorare la situazione, io amministro il comune e i problemi finiscono sempre nella scrivania del sindaco, posso essere d'accordo con il presidente della Regione, ma il primo a dover fare pressioni su Enel deve essere proprio lui."

Il piano di protezione civile aggiornato

Di tutti questi argomenti e delle novità introdotte nel piano provinciale di protezione civile si è parlato intanto in sala dei Grandi gremita di amministratori, vertici provinciali di forze dell'ordine e vigili del fuoco, tecnici e volontari. Il nuovo testo ed i nuovi contenuti sono il frutto della collaborazione tra tutti i soggetti che compongono il sistema integrato di protezione civile ed in particolare, per questo aggiornamento, della “segreteria operativa” della quale fanno parte Prefettura, Provincia, Asl Toscana sud est, vigili del fuoco e forze di polizia. Il piano è stato aggiornato a seguito delle modifiche ed integrazioni normative nazionali e regionali, e in particolare dell’entrata in vigore delle nuove procedure regionali per la gestione dell’allerta meteo e del piano operativo regionale, dell’esigenza di aggiornare le banche dati cartografiche relative ai rischi e di quella di migliorarne la struttura e la consultazione anche tramite web per garantire una maggiore efficienza operativa del sistema integrato di protezione civile.

“Il ruolo della Provincia, sempre in stretto contatto con la Prefettura, è stato quello di recepire le istanze provenienti dai soggetti che compongono il sistema provinciale – ha spiegato il presidente Roberto Vasai. Abbiamo provveduto a elaborare il testo definitivo, le cartografie, aggiornare le banche dati e mettere a disposizione, tramite il sito web dedicato, tutti i predetti prodotti al fine di garantire una maggiore efficienza sia in fase di programmazione che di gestione delle emergenze. La Provincia si è resa inoltre disponibile a collaborare con i comuni e centri intercomunali per la definizione degli aggiornamenti dei piani a livello locale, che sono l’indispensabile strumento per garantire il corretto funzionamento dell’intera macchina di protezione civile”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Il piano provinciale di protezione civile definisce i rischi prevalenti del territorio, il ruoli e le azioni che i singoli componenti del sistema mettono in atto per prevenire e gestire le calamità. Tra questi, il volontariato di protezione civile che svolge un ruolo importante e al quale si deve fornire un ulteriore contributo per il miglioramento delle importanti sinergie e professionalità che le associazioni di volontariato mettono al servizio della gestione delle emergenze.

“Ho sempre avuto una grande attenzione per il mondo della protezione civile, perché l'efficienza della pubblica amministrazione si riconosce soprattutto da quanto pianificato in via preventiva, oltre che dalla gestione operativa delle situazioni emergenziali -, ha affermato il Prefetto Clara Vaccaro. Proprio per questo la scorsa settimana abbiamo svolto un'esercitazione per posti di comando che tutti i protagonisti hanno interpretato con il giusto spirito. In questo settore, infatti, è essenziale lavorare in un tavolo comune dove ognuno ha la propria competenza, ma con la necessità di lavorare tutti insieme per giungere all'obiettivo della maggiore efficacia. Sono soddisfatta del risultato raggiunto sul piano delle capacità operative e delle disponibilità di risposta, mentre dobbiamo fare uno sforzo in più per rendere più fluido lo scambio di informazioni. La presentazione del piano integrato nella sua versione aggiornata – ha concluso il Prefetto – è importante perché proprio la pianificazione congiunta rappresenta il modo migliore per conoscere le esigenze di tutti e arrivare preparati alla gestione delle emergenze”.

Durante l'incontro, al quale hanno partecipato ben 33 comuni del territorio provinciale, dopo l'illustrazione dei contenuti e della filosofia del piano da parte della dottoressa Cristina Favilli della Prefettura e del dottor Nicola Visi della Provincia, sono seguite anche relazioni specifiche sui temi del soccorso tecnico urgente, del piano delle maxi emergenze del 118 e del piano operativo regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

  • Comunali 2020: liste, candidati, sezioni e voti: tutte le preferenze espresse

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento