rotate-mobile
Lunedì, 24 Giugno 2024
Cronaca

Colpito da arresto cardiaco mentre va alla Città del Natale, salvato da 3 giovani sul raccordo

L'episodio è accaduto sabato pomeriggio ed emerge oggi grazie alla testimonianza degli operatori del 118 aretino: "Non sappiamo chi siano, ma il loro intervento è stato fondamentale"

Va in arresto cardiaco mentre è in fila sul raccordo per la Città del Natale: salvato da tre giovani operatori della rete 118, liberi dal servizio, anche loro diretti in centro ad Arezzo. L'episodio è accaduto nel pomeriggio di sabato, 9 dicembre, una tra le giornate di maggior afflusso di sempre per la manifestazione natalizia aretina.

La ricostruzione dell'accaduto

Un uomo di 48 anni era alla guida della propria vettura, uscito dall'A1 e diretto verso Arezzo. Nell'abitacolo anche i suoi familiari. Erano le 18,20 circa. All'improvviso accusa un malessere mentre era in coda sul raccordo. Fa in tempo a frenare: l'auto si blocca in mezzo alla carreggiata. Scatta l'allarme della sua famiglia, il 48enne è stato colpito da un malore. Si ferma un'auto che stava seguendo quella del 48enne: all'interno ci sono tre giovani, due uomini e una donna, tutti diretti verso la Città del Natale. Si presume - così spiegano dalla Asl - che siano operatori delle Misericordie toscane. I tre ragazzi intuiscono la gravità della situazione e agiscono con rapidità e precisione, nonostante il traffico, il buio e le gocce di pioggia. Poteva essere una tragedia. "Ma la loro responsabilità personale, l’impegno civile e la professionalità hanno permesso di scrivere un altro finale", scrive la Asl Toscana Sud Est in una nota di encomio per i tre.

Le testimonianze

“Il loro intervento - racconta la dottoressa Katia Bacchini del 118 di Arezzo che è intervenuta poi sul posto - è stato fondamentale. Hanno immediatamente chiamato l’emergenza ed effettuato tutte le manovre necessarie, e lo hanno fatto con grande sangue freddo e professionalità. Con la nostra automedica e l’ambulanza della Misericordia di Arezzo siamo arrivati in pochissimi minuti facendoci strada tra un traffico infernale. Al nostro arrivo abbiamo defibrillato l’uomo direttamente in strada.  Ha ripreso subito a respirare e questo ci ha permesso di trasportarlo, in codice rosso, in ospedale in tutta sicurezza”.

Negli attimi concitati non è stato chiarito chi fossero i tre. Si è però ben compreso, con i fatti, che avevano esperienza in soccorsi a persona. “Non sappiamo chi siano - aggiunge l’infermiera Lorella Botarelli, anch’essa nel team che è intervenuto - una cosa è certa però, con il loro intervento ci hanno permesso di salvare la vita del paziente”.

“Questo evento - dichiara il direttore della Centrale 118 Simone Nocentini - dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, l’importanza della formazione e della preparazione che deve coinvolgere più persone possibile. I primi minuti che seguono un arresto cardiaco sono fondamentali. Sono sicuro che questi giovani avessero fatto un percorso preciso di preparazione e hanno dimostrato che si possono salvare vite anche in condizioni veramente complicate. La cultura dell’emergenza salva vite: più è diffusa e più è efficace”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpito da arresto cardiaco mentre va alla Città del Natale, salvato da 3 giovani sul raccordo

ArezzoNotizie è in caricamento