Cronaca

Latitante da due anni e mezzo arrestato ad Arezzo

Si tratta di un trentenne che era riuscito a lungo a sfuggire al carcere perché aveva cambiato il cognome. E' stato scoperto in A1, nei pressi del casello di Battifolle, mentre si dirigeva al Nord Italia

La Polizia Stradale di Arezzo, nel tardo pomeriggio di ieri, in autostrada del Sole e nei pressi del casello di Arezzo, ha intercettato e arrestato un giovane, un trentenne albanese, che era latitante da 2 anni e mezzo.

Erano circa le 17,30 quando una pattuglia della Sottosezione di Battifolle ha fermato per un controllo una Volkswagen Golf con targa albanese che stava transitando verso nord.

Le tre persone che si trovavano a bordo hanno esibito tutte regolari documenti albanesi ma gli agenti si sono insospettiti riguardo al conducente dell’auto, visto il suo atteggiamento e il suo fluente italiano che lasciavano intendere come fosse, a differenza degli altri, da molto tempo in Italia.

Visto le poco convincenti spiegazioni sui motivi del loro viaggio da Roma verso il Nord Italia, a tutti i fermati sono state esaminate le impronte digitali accertando come proprio il conducente dell’auto fosse ricercato dalla giustizia italiana dall’ottobre del 2017, con un altro nome, dovendo scontare una condanna di 2 anni e 2 mesi di reclusione per furti in abitazione inflitta dal Tribunale di Venezia.

Il cittadino albanese, conscio di avere a carico tale condanna, aveva pensato bene di ottenere il cambio del cognome nel Paese d'origine, per risultare “pulito” ai controlli. Ma lo stratagemma, in questa circostanza, non è servito: l'uomo è stato arrestato e associato al carcere di Arezzo dove dovrà scontare la pena inflittagli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante da due anni e mezzo arrestato ad Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento