Ristorante nel mirino dei ladri: colpo all'Antica Fonte. Trafugati soldi, televisore e vino

Due malviventi si sono introdotti nella notte tra venerdì e sabato nel locale di via Porta Buia. Ripresi dalle telecamere di sorveglianza

Hanno forzato le porte e si sono intrufolati nel cuore della notte all'interno del locale. Con il volto semi coperto dalla mascherina, il piglio di chi non ha paura di sfidare il coprifuoco, due ladri nelle primissime ore di sabato hanno messo a segno un colpo all'interno di uno dei ristoranti più amati dagli aretini: L'Antica Fonte. 

Il bottino è stato ingente: si sono portati via un grande televisore, delle bottiglie di Dom Perignon e la cassa. Dietro di loro hanno lasciato la devastazione: cassetti rovesciati, serrature forzate. L'immagine che ieri mattina proprietario e collaborati del locale si sono trovati di fronte era desolante. 

“E' un periodo davvero difficile per i ristoratori aretini – dice Luca Fabianelli – dopo il colpo al Vesuvio di alcuni giorni fa, eravamo preoccupati. E purtroppo è accaduto anche a noi. I ladri sono stati ripresi dalle telecamere di videosorveglianza. Si sono introdotti nel locale poco dopo le 2 da una delle vetrate. Si sono diretti subito al televisore e lo hanno smontato in meno di due minuti. Poi hanno preso una cassa di Dom Perignon e quindi hanno cercato i soldi del fondo cassa e rovesciato tutti i cassetti”. 

A quel punto se ne sono andati, ma meno di due ore dopo uno di loro è rientrato e si è diretto nella zona dove erano i cassetti, per poi scappare definitivamente, diretto verso la caserma cadorna. 


Della vicenda si sta occupando la Polizia di Stato: ieri gli agenti della Mobile e della Scientifica hanno fatto un lungo sopralluogo e analizzato ogni dettaglio, nella speranza che i due malviventi abbiano lasciato dietro di sé una delle tracce che permettano di individuarli. 
Gli inquirenti stanno acquisendo anche altre immagini dalle telecamere del Comune, puntate nell'area circostante a via Porta Buia dove sorge il ristorante. 
“L'impressione è che fossero professionsiti – racconta Fabianelli - . Circa due anni fa avevamo subito un altro furto e il modus operandi fu simile”.

Possibile che la banda che ha colpito in via Porta Buia abbia messo a segno anche il colpo al ristorante il Vesuvio? Se lo domandano in molti ristoratori che adesso sono davvero preoccupati. Per loro questa fine del 2020 si sta dimostrando particolarmente difficile: tra lavoro fortemente ridimensionato per la zona rossa e razzie dei ladri, sembra non esserci pace. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento