rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Cronaca Monte San Savino

"Casa devastata, i ladri hanno fatto razzia", il racconto. "Denunciate, solo così lo Stato saprà"

Avvocato e vice sindaco vittima dei malviventi: "Per fortuna non eravamo in casa, non si sarebbero fermati"

"Cari ladri, spero che siate ben consapevoli di avere devastato 55 anni di vita e di ricordi, ma spero ancora di più che vi ricorderete di casa nostra, perché adesso non c'è più nulla da rubare". Con queste parole l'avvocato e vice sindaco di Monte San Savino, Alessandra Cheli, vittima di un furto nella propria abitazione, si è rivolta ai ladri che le hanno distrutto casa nel fine settimana. Una denuncia social, in prima battuta, ma anche una denuncia presso le forze dell'ordine: "Perché se non denunciamo lo Stato non può avere la reale percezione della situazione in cui viviamo e di questo fenomeno che sta dilagando", racconta. 

Il furto è avvenuto nel fine settimana, quando i proprietari non erano in casa: si erano presi una pausa e avevano raggiunto una località balneare per riposarsi un po'. Ma la chiamata di un vicino li ha fatti sobbalzare: "Siete già tornati? Il finestrone di casa vostra è aperto". È bastata questa frase per far capire alla legale e alla sua famiglia che qualcuno si era introdotto nella loro casa. 

Immediato il rientro a Monte San Savino ieri mattina. Uno choc la scoperta di quanto accaduto: "Cassetti svuotati, prese della corrente smontate in cerca di una cassaforte che non c'è, lavatrici spostate, la cabina armadio rivoltata. E poi il mio studio - racconta l'avvocato - devastato. Conservavo alcuni fascicoli delicati riguardanti casi di tutela e di amministrazione di sostegno: hanno strappato tutto, come se fossero stati in preda alla rabbia. Probabilmente pensavano di trovare chissà quale bottino e sono rimasti delusi".

Tra gli oggetti rubati anche preziosi, monili, ma soprattutto ricordi di vita: "Il valore inestimabile era proprio il ricordo che si portavano con sé  questi oggetti - spiega la legale - come l'orologio d'oro che mi aveva regalato mio marito quando sono diventata avvocato o gli orecchini di perle che avevo indossato il giorno del mio matrimonio". 

I ladri, stando a una prima ricostruzione, si sarebbero intrufolati dal retro dell'abitazione, per poi raggiungere quel terrazzo che poi il vicino ha notato. La sensazione è che l'abitazione fosse stata tenuta d'occhio negli ultimi tempi e questo lascerebbe pensare che a entrare in azione sia stata una banda di professionisti. 

"Questa era la parte più presentabile di casa nostra questa mattina - ha scritto la legale sul suo post su Facebook -. La restante era in stato di pura devastazione. Ringrazio infinitamente Dio che in casa non ha fatto trovare nessuno, perché di tutta evidenza non si è trattato di ladruncoli ma di professionisti di alto livello e, come è noto, i professionisti non si fermano se trovano qualcuno all'interno.
Ringrazio i Carabinieri di Monte San Savino, grazie di cuore per esserci sempre". 

E adesso scatterà la denuncia. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Casa devastata, i ladri hanno fatto razzia", il racconto. "Denunciate, solo così lo Stato saprà"

ArezzoNotizie è in caricamento