Cronaca

Inventa violenza sessuale per allontanare il padre che la maltratta, ma ritratta di fronte al giudice. Denunciata

Accusa il padre di violenze sessuale nei suoi confronti, ma chiamata a testimoniare di fronte al giudice ritratta. "Mi trattava male e volevo allontanarlo", questa la testimonianza. Si è concluso con un'assoluzione e con la trasmissione degli atti...

TRIBUNALE-2

Accusa il padre di violenze sessuale nei suoi confronti, ma chiamata a testimoniare di fronte al giudice ritratta. "Mi trattava male e volevo allontanarlo", questa la testimonianza. Si è concluso con un'assoluzione e con la trasmissione degli atti alla procura per calunnia, il processo a carico di di un rumeno.

La vicenda ha preso il via nel 2013 quando la ragazza, oggi 25enne, aveva denunciato episodi di violenza avvenuti nel passato. Raccontò addirittura di aver avuto solo 12 anni al momento delle prime insidie. Salvo poi ritrattare tutto ieri, quando è stata chiamata come teste di fronte al collegio dal pm Marco Dioni.

La giovane ha spiegato di essere sopraffatta dal rimorso di aver fatto andare a processo un innocente e ha spiegato che il padre la maltrattata e lei, impaurita, aveva cercato di allontanarlo presentando quella denuncia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inventa violenza sessuale per allontanare il padre che la maltratta, ma ritratta di fronte al giudice. Denunciata

ArezzoNotizie è in caricamento