menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Schianto mortale a Ceciliano, Procura apre un fascicolo per omicidio stradale plurimo

L'uomo alla guida della Focus è stato sottoposto ad alcoltest (risultato negativo) e ad esami tossicologici. Stando ai rilievi le vittime non avevano allacciato le cinture

Omicidio stradale plurimo: questa l'ipotesi di reato sulla quale la Procura di Arezzo sta indagando in seguito alla morte di Claudia Babbini e Paolo Fatucchi nell'incidente che si è verificato ieri a Ceciliano. L'informativa della Polizia Stradale, che ha condotto scrupolosi rilievi, sarebbe già stata consegnata alla pm Chiara Pistolesi, che si occupa della vicenda. Al momento non ci sarebbero iscritti sul registro degli indagati, ma in casi come questi vengono svolti accertamenti sul conducente della vettura con la quale si è verificato lo scontro.

L'incidente: un'auto ha invaso la corsia, poi lo schianto

L'uomo, di origini dominicane e residente ad Arezzo, viaggiava con alcuni familiari in direzione Casentino. Nell'impatto sarebbe rimasto quasi illeso, tanto da essere stato accompagnato all'ospedale da un amico e non in ambulanza. La Polizia Stradale lo ha sottoposto subito all'alcol test, che è risultato negativo. Poi è stato richiesto anche un accertamento tossicologico, svolto all'ospedale San Donato, ma per i risultati saranno necessari alcuni giorni. 

Da quanto emerso durante i soccorsi e durante i rilievi condotti dalla Polizia Stradale le vittime non avrebbero allacciato le cinture di sicurezza. Durante il violento impatto, quindi, non avrebbero avuto nessuna protezione che potesse alleviare il colpo. Nonostante la velocità della loro vettura risultasse congrua con i limiti imposti su quella strada, lo schianto è risultato fatale. E' in corso di verifica da parte della Polstrada la velocità dell'altra auto, che stava percorrendo una strada molto trafficata e di fronte ad una coda avrebbe tentato di evitare all'ultimo momento un tamponamento invadendo l'opposta corsia di marcia. 

Chi sono le vittime

Claudia Babbini aveva 66 anni era un medico in pensione. Aveva lavorato nella Asl di Arezzo, prima al distretto sociosanitario poi in Medicina Legale. Paolo Fatucchi, 70enne, era pensionato e aveva lavorato anche lui nel settore della sanità. Nessuno dei due era stato sposato, non avevano figli. Ma avevano la loro amicizia, che li ha uniti per anni, fino all'ultimo giorno. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

  • Calcio

    Triestina-Arezzo. Le pagelle di Giorgio Ciofini

  • Scuola

    "Social ma non per gioco" i corsi per gli studenti di Foiano

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento