rotate-mobile
Incidenti stradali Monte San Savino

L'ultima partita allo stadio, la pizza con gli amici e poi la tragedia. Il calcio amatoriale piange Domenico Dezzani

Il 65enne deceduto in un incidente stradale avvenuto a Pieve al Toppo era un dirigente dell'Arci Saione, storica squadra che milita nel campionato Uisp

In tanti lo hanno conosciuto a bordo campo. Era un dirigente della storica squadra di calcio Arci Saione, che da 46 anni milita nel campionato Uisp. Domenico Dezzani, il 65enne che è morto nella notte in un incidente stradale avvenuto a Pieve al Toppo, anche ieri sera aveva seguito i suoi ragazzi. Aveva trascorso la serata allo stadio comunale di Arezzo dove si disputava la finale della Coppa Romolo Brizzi tra Arci Saione e Zona Franca. Il match era finito con una sconfitta: e così staff e giocatori avevano deciso di concedersi una "pizza" consolatoria e e hanno cenato tutti insieme. Al termine Dezzani ha salutato tutti ed è ripartito. Poi la tragedia. 

L'incidente è avvenuto durante il viaggio verso Borghetto di Alberoro, dove viveva. Lungo la E78 tra Arezzo e Monte San Savino, al chilometro 10 - all'altezza dell'uscita di Pieve al Toppo, in un punto in cui c'è un cantiere con restringimento della carreggiata - un'auto lo ha tamponato. A volante della vettura, una Peugeot 407, c'era un 40enne cubano residente nell'Aretino. La Mercedes Classe A che guidava Dezzani e l'altra auto sono finite entrambe fuori strada. Ma ad avere la peggio è stato il 65enne. Dopo un tremendo impatto contro i guardrail, ha terminato la propria corsa nella boscaglia a bordo carreggiata.
I sanitari dell'emergenza urgenza non hanno potuto far altro che constatare l'avvenuto decesso. Anche il 40enne ha riportato delle ferite ed è stato trasferito all'ospedale San Donato di Arezzo.

Punto di riferimento del calcio amatoriale

La notizia della morte di Dezzani ha commosso l'intera comunità della Uisp. "Dezzani era un punto di riferimento - racconta Gino Ciofini, ex presidente Uisp - è stato un dirigente di una squadra storica come l'Arci Saione. Aveva un marcato spirito associativo e la capacità di riuscire a sdrammatizzare ogni situazione. Una dote questa che lo ha reso molto apprezzato anche dentro lo spogliatoio". 

E proprio la Uisp questo pomeriggio ha pubblicato nella sua pagina Facebook istituzionale un post di cordoglio: "Il Comitato Uisp Arezzo tutto, la presidenza, l'ufficio, la struttura calcio e il settore tecnico arbitrale porgono le più sentite condoglianze alla famiglia di Domenico Dezzani, storico dirigente dell'Arci Saione, scomparso ieri sera dopo la gara giocata dalla sua squadra allo stadio in un tragico incidente d'auto. La Uisp si stringe intorno alla sua società Arci Saione che dopo un pomeriggio spensierato di sport sta vivendo questo immane lutto. Condoglianze vivissime da tutti noi". 

Pensionato, Dezzani era originario di Asti, dove aveva trascorso la giovinezza e per un periodo aveva lavorato in un'azienda meccanica. Poi era arrivato in Toscana: aveva un impiego in un albergo a Montecatini. Ad Arezzo era arrivato per amore: aveva conosciuto la moglie si erano innamorati e sposati. Vivevano a Borghetto, in una casa in campagna, con numerosi cani e gatti. Anche per loro un amore infinito. 

Indagini e inchiesta

Le indagini sulla dinamica dell'incidente sono condotte dai Carabinieri della stazione di Badia al Pino. Come da prassi, una volta che l'esito degli accertamenti arriverà in procura, verrà aperto un fascicolo. L'ipotesi di reato è quella di omicidio stradale. La procura potrebbe disporre nelle prossime ore ulteriori accertamenti sulla salma e anche sulle auto coinvolte. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'ultima partita allo stadio, la pizza con gli amici e poi la tragedia. Il calcio amatoriale piange Domenico Dezzani

ArezzoNotizie è in caricamento