Tragedia in A1, dimessa la mamma. La corsa al Meyer per abbracciare la gemellina superstite

La gemellina di 8 mesi sopravvissuta al terribile incidente avvenuto venerdì scorso nell'A1, all'altezza di Badia al Pino, sta meglio e i medici starebbero valutando quando dimetterla

La mamma è stata dimessa questa mattina ed è subito corsa all'ospedale Meyer, per riabbracciare la sua piccolina. La gemellina di 8 mesi sopravvissuta al terribile incidente avvenuto venerdì scorso nell'A1, all'altezza di Badia al Pino, sta infatti meglio e i medici starebbero valutando quando dimetterla. Sola, all'ospedale pediatrico fiorentino, stava aspettando l'abbraccio e le coccole della giovane mamma. Stasera, o al massimo domani, madre e figlia potrebbero uscire. 

"L'intenzione - spiega il legale della famiglia Giuseppe Martina - è quella di tornare al più presto in patria. In Romania infatti saranno trasportate anche le salme, non appena ci sarà il nulla osta della procura, per poter organizzare i funerali dei due bambini e dei nonni". 

Il marito, Emil Ciurar, che era al volante di quel minivan al momento del violentissimo schianto contro l'autoarticolato, è in carcere in attesa dell'udienza di convalida dell'arresto che si terrà domani mattina presso il tribunale di Arezzo. 

"Piange, si dispera - afferma il suo legale Giuseppe Martina - chiede continuamente quali siano le condizioni della moglie e della piccolina sopravvissuta. E chiede anche di poter uscire dal carcere almeno per assistere ai funerali dei figli e dei genitori". 

Nell'incidente, infatti, l'uomo ha perso due figli (la gemellina di 8 mesi e una bimba di 10 anni), il padre 50enne e la madre 48enne. Ferito il fratellino 14enne, che è stato già dimesso. 

L'incidente per un probabile colpo di sonno

Ciurar e la sua famiglia erano diretti a Napoli, dove uno zio e due cugini stavano aspettando il loro arrivo. Viaggiavano da tempo, ma solo mezz'ora prima dell'impatto fatale si erano fermati in un'area di servizio. Una pausa per rinfrescarsi e ripartire. Ma il sonno ha preso il sopravvento. 

La dinamica dell'incidente sembra ormai essere chiara. A dare le ultime conferme sono state le immagini delle telecamere dell'autostrada: il minivan - al chilometro 360 della corsia sud A1 nel comune di Civitella in Val di Chiana - ha colpito violentemente contro il camion in sosta nella piazzola. Un colpo di sonno sembrerebbe la causa più probabile: i test eseguiti per rilevare sostanze alcoliche o stupefacenti nel sangue hanno infatti dato esito negativo.

Ciurar è accusato dal pm Roberto Rossi di omicidio stradale plurimo.

I viaggi periodici per fare lavori stagionali

Il 30enne raggiungeva periodicamente l'Italia dove pare svolgesse lavori stagionali. Era ospitato dai familiari nella città partenopea.

Venerdì scorso percorreva la A1 ancora una volta verso la città che gli avrebbe offerto un lavoro stagionale, per mettere da parte un po' di soldi per sé e per la sua famiglia. Ma questa volta il viaggio si è trasformato in una tragedia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti fra comuni, scuole, circoli ed estetiste. Cosa si può fare nella Toscana arancione

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento