menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Inchiesta Coingas, Staderini parla di fronte al procuratore: "Tutti conoscevano l'accordo Multiservizi"

L'incontro è avvenuto lo scorso 17 dicembre ma i contenuti sono emersi solo oggi

Ha deciso di parlare con il magistrato per raccontare la sua verità sull'affaire Coingas. Sergio Staderini, protagonista dell'inchiesta che ha scosso Arezzo fin dall'estate 2019, si è presentato in procura lo scorso 17 dicembre ed ha risposto alle domande del procuratore Roberto Rossi. A darne notizia è stato oggi il Corriere di Arezzo. Staderini ha affermato di aver deciso di parlare per "onestà verso i cittadini", ma anche verso i soci di Coingas (della quale è stato presidente). 

Su staderini pende l'accusa di peculato e di favoreggiamento. Peculato per gli incarichi da centinaia di migliaia di euro stipulati durante il periodo della sua presidenze, e favoreggiamento per la vicenda di Multiservizi.

Un'inchiesta complessa, che conta numerosi indagati, tra i quali anche il sindaco Alessandro Ghinelli, l’assessore Alberto Merelli, l’amministratore di Coingas Franco Scortecci, il presidente di Estra Francesco Macrì, il consigliere comunale Roberto Bardelli e l’ex presidente di Multiservizi Luca Amendola.Un'inchiesta che ha preso le mosse dalla scoperta - da parte della Digos - di una serie di file audio custoditi nel pc di Staderini che contenevano la registrazione (eseguita di nascosto) di colloqui intercorsi tra i protagonisti della vicenda.

Durante l'interrogatorio, Staderini avrebbe confermato l'accordo sulla nomina di Amendola e le promesse fatte a Bardelli. A proposito delle registrazioni, Staderini avrebbe detto di averle fatte per utilizzarle come appunti: una sorta di block notes audio. 

Sulla questione consulenze, l’ex presidente di Coingas ha spiegato i motivi che le avevano portato a stipularle, affermando che Cocci in particolare aveva fatto un lavoro importante che avrebbe portato a "resuscitare l'azienda". Insomma tali consulenze sarebbero state necessarie e non avrebbero costituito uno sperpero di denaro.

A inizio 2021 sarà fissata la data dell'udienza preliminare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cucina

    I quaresimali: un peccato di gola concesso anche alle monache

  • Arezzo da amare

    C'era una volta Piazza San Jacopo

  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento