Cronaca

Giornata contro il cyberbullismo, 100 studenti incontrano la Polizia Postale

Si chiama “Una vita da social” ed è un'iniziativa che coinvolge ben 100 istituti scolastici italiani, per un totale di 60mila ragazzi. Oggi è infatti il Safer Internet Day 2018, la giornata mondiale contro il cyberbullismo e gli agenti della...

cyberbullismo

Si chiama "Una vita da social" ed è un'iniziativa che coinvolge ben 100 istituti scolastici italiani, per un totale di 60mila ragazzi. Oggi è infatti il Safer Internet Day 2018, la giornata mondiale contro il cyberbullismo e gli agenti della polizia postale e delle comunicazioni di Arezzo sono stati protagonisti all'Itis "Galileo Galilei" per parlare con gli studenti del delicatissimo tema.

"L'obiettivo delle attività di prevenzione/informazione è insegnare agli studenti a sfruttare le potenzialità comunicative del web e delle community online senza correre rischi connessi al cyberbullismo, alla violazione della privacy altrui e propria, al caricamento di contenuti inappropriati, alla violazione del copyright e all'adozione di comportamenti scorretti o pericolosi per sé o per gli altri, stimolandoli a costruire relazioni positive e significative con i propri coetanei anche nella sfera virtuale". Spiega la Polizia Postale.

Sguardi attenti, domande e un applauso finale da parte degli oltre 100 studenti che per due ore hanno seguito con attenzione e interesse le parole della Polizia Postale.

La sensibilizzazione sui temi della sicurezza e dell'uso responsabile della rete è un impegno quotidiano della Polizia Postale e delle Comunicazioni e la collaborazione con il Ministero dell'Istruzione, della Università e della Ricerca è assolutamente determinante. Iniziative come la giornata mondiale dedicata alla sicurezza in Internet ormai celebrata in oltre 100 paesi sono di grande importanza perche aiutano a portare la sicurezza della rete all'attenzione di un grande numero di utenti, soprattutto che sono oggi nel nostro paese quelli meno consapevoli dell'importanza di educare i minori ad un uso sicuro e responsabile della rete.

Un'attività che inizia a dare i suoi frutti: "Grazie anche all'impegno delle famiglie, oltre che al nostro - spiega Walter Dell'Arciprete, ispettore capo della Polizia Postale - nell'Aretino i casi fortunatamente non sono molti. Direi che sono ridotti al lumicino. Ma questo non vuol dire che si possa abbassare la guardia. Informare i giovani è fondamentale per prevenire queste situazioni. Cosa deve fare un ragazzo che si imbatte in un episodio di cyber bullismo? Rivolgersi alle forze dell'ordine, subito".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata contro il cyberbullismo, 100 studenti incontrano la Polizia Postale

ArezzoNotizie è in caricamento