Divelto il tetto del deposito del Comune: intatte le tribune della Giostra e la sabbia della lizza. "Ladri a caccia di rame?"

A segnalare quanto sta accadendo a Pratacci sono state le "sentinelle" del comitato Arezzo nel cuore che hanno notato come nell'ultima settimana la copertura sia stata pian piano divelta

La segnalazione arriva dalle "sentinelle" della città che fanno parte del comitato Arezzo nel cuore. Sono state loro a notare per prime che la copertura del deposito del Comune che si trova a Pratacci è stata divelta. Si tratta della struttura dove vengono stipate, dopo la Giostra, le parti della tribuna e la preziosa terra della lizza. Le parti in rame della copertura furono rubate circa un anno e mezzo fa: da allora l'amministrazione comunale ha provveduto a rifare il tetto, questa volta senza l'impiego del metallo che va letteralmente a ruba. 

Ma negli ultimi giorni, chi è passato dalla rampa che immette sul raccordo, ha notato che qualcosa non andava. Prima mancava una parte della copertura, poi ancora un'altra parte. Il sospetto è che siano stati proprio dei ladri, nella speranza di trovare altro rame. Chi ha divelto la copertura, avrebbe operato a più riprese: le immagini sono state scattate il 19 dicembre e ieri, e la differenza si nota. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento