Società di calcio bersaglio dei ladri: 12 furti in tre anni. L'ultimo nel fine settimana

E' la Orange Don Bosco, realtà che trova sede a Pescaiola, ad essere di nuovo finita nel mirino di ignoti che si sono introdotti all'interno della struttura

Soltanto per quello che riguarda il 2020, quello che si è verificato nei giorni scorsi, è il secondo furto subito. Ma di fatto i colpi messi a segno a danno della Orange Don Bosco negli ultimi tre anni sono 12. Un bilancio amarissimo quello che i gestori della società di calcio, con sede in zona Pescaiola, hanno stilato al termine dell'ultimo colpo.

Presumibilmente nella notte tra venerdì e sabato alcuni ignoti, forzando una delle porte di accesso, si sarebbero introdotti all'interno della struttura portando via la cassa e due termoscanner. Dell'episodio sono stati informati gli agenti della polizia di Arezzo i quali hanno avviato le indagini sull'accaduto per risalire all'identità degli autori del furto.

Proprio in questi giorni all'interno dell'area hanno preso il via i campi estivi dedicati ai giovani appassionati di calcio. Un'attività importante che consente alla società di rimettersi al lavoro dopo mesi di totale chiusura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento