Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Furti nelle abitazioni, sgominata banda di ladri: sette arresti. In 4 mesi avevano messo a segno almeno 37 colpi

A finire in manette sono quattro kosovari, un macedone, un albanese ed un italiano di età compresa tra i 30 ed i 42 anni. Tutti quanti sono indagati per i reati di furto aggravato in abitazione in concorso, furto aggravato di rame. 

Era una banda composta da numerose persone: diversi per età, etnia, lingua e provenienza, ma legati dalle scorribande che mettevano a segno nelle abitazioni. Colpivano tra Arezzo e Siena e per mesi sono stati l'incubo dei residenti. Fin quando sulla loro strada hanno incontrato i Carabinieri. 

Dalle prime luci dell’alba i militari della Compagnia Carabinieri di Siena, con la collaborazione di quelle di Arezzo e Cortona e con il supporto di unità cinofile del Nucleo di Firenze, su disposizione della Procura della repubblica presso il Tribunale di Siena, sta procedendo all’esecuzione di decreto di fermo nei confronti di 7 persone. A finire in manette sono quattro kosovari, un macedone, un albanese ed un italiano di età compresa tra i 30 ed i 42 anni. Tutti quanti sono indagati per i reati di furto aggravato in abitazione in concorso, furto aggravato di rame. 

Due arresti a carico di un macedone di 40 anni e di un italiano di 32, sono stati eseguiti nel comune di Foiano della Chiana.

Banda articolata

Stando a quanto ricostruito dagli inquirenti, la banda era responsabile di almeno 37 furti aggravati messi a segno in soli 4 mesi. 
I provvedimenti sono arrivati al termine di un’articolata attività investigativa, condotta dai militari della Stazione di Rapolano Terme (SI) e del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Siena. Nel medesimo contesto sono stati denunciati per furto in appartamento in concorso due kosovari, trentenni, uno senza fissa dimora e l’altro residente nel senese. Un kosovaro di 30 anni ed un italiano di 59 residente a Foiano della Chiana sono stati, invece, denunciati per ricettazione.

Nella fase esecutiva militari operanti hanno sequestrato 10mila euro in contanti, ritenuti provento dell’attività di ricettazione, e recuperato e restituito agli aventi diritto refurtiva per un valore complessivo di euro 50 mila circa.
Durante la fase investigativa sono stati sequestrati 300 chili di rame, vari attrezzi atti allo scasso e indumenti per il travisamento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti nelle abitazioni, sgominata banda di ladri: sette arresti. In 4 mesi avevano messo a segno almeno 37 colpi

ArezzoNotizie è in caricamento