rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Cavriglia

Raffica di furti nell'albergo chiuso: via grondaie di rame ed elettrodomestici

E' successo nel comune di Cavriglia: i militari della stazione sono riusciti a individuare l’autovettura utilizzata per le incursioni ladresche, e quindi ad identificarne l’utilizzatore. Si tratta di un 50enne di origini laziali

A Cavriglia i Carabinieri della compagnia di San Giovanni sono intervenuti riuscendo a far luce su alcuni raid, ripetutisi nel corso degli ultimi mesi, che hanno visto come bersaglio una struttura ricettiva di una frazione rurale della zona, da tempo in disuso. Partendo dagli spunti raccolti grazie ad alcune testimonianze, i militari della stazione del piccolo borgo alle porte del Chianti sono infatti prima riusciti a individuare l’autovettura utilizzata per le incursioni ladresche, e quindi ad identificarne l’utilizzatore. Si tratta di un 50enne di origini laziali, da tempo residente nel Valdarno aretino, gravato da diversi precedenti di polizia. All’uomo sono stati attribuiti almeno due episodi, compiuti negli ultimi giorni di ottobre, in occasione dei quali lo stesso trafugava grondaie di rame, elettrodomestici e suppellettili varie. Anche in questo caso, l’uomo è stato deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Arezzo, per furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raffica di furti nell'albergo chiuso: via grondaie di rame ed elettrodomestici

ArezzoNotizie è in caricamento