Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Oggi l'ultimo saluto a Chiara. Il dolore di una comunità a 16 anni dalla scomparsa di Fabrizio Meoni

Sarà la chiesa del Rivaio a Castiglion Fiorentino a ospitare il funerale di Chiara Meoni, ma all'aperto per consentire a quante più persone di poter partecipare

Chiara Meoni e il suo babbo Fabrizio campione della Dakar scomparso per un incidente nel gennaio del 2005

Dopo 16 anni un'altra tragedia, ancora più inspiegabile e dolorosa, colpisce la famiglia di Fabrizio Meoni. A soli 18 anni è morta la figlia del compianto campione della Dakar. Chiara Meoni era gravemente malata da alcuni mesi. E' deceduta ieri nella sua casa a Castiglion Fiorentino. La notizia ha sconvolto tutti perché, come già detto, conoscere le gesta e il cuore di Fabrizio aveva di conseguenza fatto conoscere a tutti la sua famiglia unita in vita e unita anche nel momento del dramma della morte di Meoni, quando la piccola Chiara non aveva ancora compiuto 3 anni.

Oggi è il giorno dell'ultimo saluto. Dalle 10 sarà possibile fare visita alla salma esposta nella sala parrocchiale del Rivaio a Castiglion Fiorentino. Il funerale si terrà in uno spazio all'aperto per consentire alle tante persone che vorranno partecipare di farlo senza restrizioni. Il rito si terrà alle 16 nell'ex campino del seminario del Rivaio con accesso da viale Mazzini. La salma sarà poi inumata nel cimitero del paese che l'aveva vista crescere. 

L'amministrazione comunale ha disposto il lutto cittadino, le bandiere sono listate e a mezz'asta da ieri. Tutto si fermerà durante il funerale come previsto dall'ordinanza del sindaco che ha decretato il fermo delle attività economiche durante le esequie.

"Cara Chiara, sapevi di aver avuto un padre leggendario e adesso spero che tu possa correre assieme a lui" ha scritto ieri nel suo messaggio il sindaco di Castiglion Fiorentino Mario Agnelli in una lettera che le ha dedicato. Tutti li hanno immaginati così, di nuovo insieme. Anche il primo cittadino, un amico di famiglia, che da sempre è stato molto vicino alla mamma Elena e al fratello Gioele, che è anche un consigliere comunale.

Dopo la morte del babbo Fabrizio nel gennaio del 2005, era nata una Fondazione a lui intitolata per portare avanti le grandi iniziative di solidarietà nel continente africano che lui tanto amava. Proprio alla Fabrizio Meoni Onlus saranno devolute le somme raccolte in ricordo di Chiara.

E nella pagina Facebook della Fondazione è apparso un messaggio per lei: "Di fronte alla caducità della vita umana, all'insostenibile dolore per la perdita dei nostri cari, vive in noi la speranza che da oggi padre e figlia saranno insieme abbracciati per sempre, lassù in alto nel cielo."

Cordoglio è stato espresso anche dall'Asl: "Il direttore Generale Antonio D'Urso, a nome di tutta l'Asl Toscana Sud Est, si stringe attorno alla famiglia di Chiara Meoni esprimendo vicinanza ed affetto in questo momento di dolore profondo. Il destino ha voluto che Chiara si riunisse a babbo Fabrizio così presto e noi tutti speriamo che ora possano di nuovo correre insieme. Un abbraccio ad Elena e Gioele."

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oggi l'ultimo saluto a Chiara. Il dolore di una comunità a 16 anni dalla scomparsa di Fabrizio Meoni

ArezzoNotizie è in caricamento