menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un'immagine del funerale a Vicenza

Un'immagine del funerale a Vicenza

In settimana anche i bucinesi potranno rendere omaggio a Paolo Rossi

Dopo il funerale al Vicenza, la salma di Paolo Rossi è oggi a Perugia, altra tappa della carriera del calciatore, dove viene omaggiata. Poi, in settimana, a seguito della cremazione, il ritorno in provincia di Arezzo e una cerimonia in Valdambra

Lo ha annunciato ieri, nel corso del funerale di Vincenza. Il sindaco di Bucine Nicola Benini ha fatto sapere che i suoi concittadini potranno rendere omaggio al grande campione scomparso: Paolo Rossi viveva da tempo a Cennina, nella Valdambra, dove gestiva assieme alla moglie Federica, un resort, producendo vino e olio biologico. E proprio a Bucine ci terrà una cerimonia, il sindaco ha poi fatto sapere che lo stadio locale sarà dedicato alla memoria di Pablito.

Dopo il funerale al Vicenza, la salma di Paolo Rossi è oggi a Perugia, altra tappa della carriera del calciatore, dove viene omaggiata. Poi, in settimana, a seguito della cremazione, il ritorno in provincia di Arezzo e una cerimonia in Valdambra. Non solo, Paolo Rossi, sarà ricordato anche in occasione del prossimo consiglio comunale di Bucine.

Il ricordo del sindaco di Bucine

"Ha davvero arricchito il nostro territorio - ha sottolineato Nicola Benini - noi lo trattavamo come fosse nato in Valdambra, era amico di tutti e il suo carattere solare era riuscito a conquistare il cuore della nostra comunità. Un affetto che Paolo ricambiava sinceramente e che lo portava a vivere in prima persona il paese. Potevi trovarlo dal macellaio, in pasticceria, al bar, agli eventi conviviali, alle feste o a qualche cena pubblica. Non mancava neppure agli eventi sportivi. Una volta durante una partita di beneficenza giocammo nella stessa formazione, eravamo la coppia d’attacco. Un ricordo che custodisco con grande piacere e che rende bene l'idea della grande persona che è stato. Per tutti era uno di qui. Noi, dal canto nostro, lo abbiamo sempre lasciato tranquillo senza irrompere nella sua vita privata"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Anche a Monte San Savino si può firmare per la "Legge antifascista"

  • Psicodialogando

    I 7 segnali della violenza psicologica nella vita di coppia

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento