L'acqua di lavorazione del frantoio finisce nel torrente: denunciato il titolare e sequestrato un laghetto

La ditta si trova nel comune di Castiglion Fibocchi

Immagine di repertorio

I militari delle stazioni Carabinieri Forestale di Loro Ciuffenna e Monte San Savino, nel corso di un controllo effettuato in un frantoio sito in comune di Castiglion Fibocchi, hanno accertato che "le acque reflue derivanti dalla lavorazione dell’olio d’oliva, dette anche acque di vegetazione, non venivano smaltite correttamente".

Erano stoccate in un laghetto artificiale da cui, anche a causa delle piogge, finivano per tracimare e riversarsi in un corso d’acqua sottostante, classificato come acqua pubblica, inquinandolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da verifiche effettuate dai Carabinieri Forestali è emerso inoltre come lo stesso utilizzo del laghetto come deposito delle acque di vegetazione fosse illegale, in quanto i reflui stoccati nel laghetto avrebbero dovuto essere successivamente smaltiti in modo corretto, cosa che non è mai stata fatta. I militari hanno pertanto posto sotto sequestro il laghetto e denunciato all’autorità giudiziaria il legale rappresentante della società proprietaria del frantoio, che dovrà rispondere dei reati di smaltimento illegale e violazione dei termini di deposito temporaneo di rifiuti speciali non pericolosi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento