Omicidio di via della Robbia, Ferrini a colloquio con il "criminologo". Il legale: "Verso una perizia psichiatrica"

Il 37enne che ha confessato di aver ucciso la 59enne Maria Aparecida Venancio de Sousa, si trova in carcere dove ha avuto due incontri con un esperto in scienze forensi. Intanto la Polizia sta analizzando i suoi conti correnti

Ha già ricevuto due visite da parte di uno specialista. Si è sottoposto a colloqui e test. I risultati potrebbero spingere il legale che lo difende a chiedere una perizia psichiatrica. Federico Ferrini, il 37enne che ha confessato di aver ucciso Maria Aparecida Venancio de Sousa, è in carcere. E' qui che ha parlato con il consulente della difesa Luca Grisolini, esperto in scienze forensi, e da quanto emerso nei loro colloqui, ci potrebbero essere gli estremi per chiedere la perizia. Il legale di Ferrini, Gionata Giannini, sta valutando insieme all'esperto la strada da intraprendere. Perché ci sarebbero elementi che potrebbero essere utilizzati nella strategia della difesa. Non solo, potrebbero essere svolti anche ulteriori accertamenti medici, a partire da semplici analisi del sangue, per appurare se sia presente qualche patologia che possa in qualche modo aver influenzato il comportamenti del giovane. 

"Ho ucciso io Maria", Ferrini confessa e resta in carcere

Nel frattempo le indagini, coordinate dalla pm Chiara Pistolesi, vanno avanti. La Squadra Mobile della Polizia di Stato sta prendendo in rassegna i conti correnti di Ferrini, per fare chiarezza sul movente. Il giovane infatti ha dichiarato di aver compiuto l'omicidio perché la donna gli chiedeva soldi per non rivelare la loro frequentazione. Circa 200 mila euro, ha raccontato agli inquirenti. Secondo la Procura Ferrini era preoccupato del danno che questa notizia gli avrebbe causato sul lavoro e questo lo avrebbe spinto a uccidere la 59enne. 

Ferrini immortalato in via della Robbia nella notte del delitto 

Sono attesi inoltre i risultati degli accertamenti condotti sui reperti raccolti dalla Scientifica nell'appartamento di Maria e nell'auto di Ferrini. Esiti che dovrebbero semplicemente confermare quanto raccontato da Ferrini e ricostruito poi dagli inquirenti. Non appena questi risultati saranno pronti, il difensore del giovane ha intenzione di presentare un'istanza per svolgere un sopralluogo nell'appartamento dove è avvenuto il terribile delitto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento