Anziana derubata con la "truffa del frigorifero". L'appello del sindaco: "Non aprite, sono impostori"

Il primo cittadino di Pergine Laterina, Simona Neri, ha raccontato l'episodio e lanciato l'allarme sul suo profilo Facebook: "Mi sono state segnalate due persone sospette a Ponticino. Ora dobbiamo proteggere i nostri anziani"

Usano una delle scuse più classiche: quella di controllare qualche impianto all'interno dell'abitazione. Si fanno così aprire la porta di casa e derubano gli ignari proprietari, spesso anziani. L'ultimo episodio della serie è avvenuto questa mattina a Ponticino, frazione del comune di Laterina Pergine, dove una signora è stata raggirata con la "truffa del frigorifero". Adesso nella zona c'è preoccupazione ed è stata la stessa sindaca Simona Neri a mettere in allerta i propri concittadini con un post su Facebook. 

"Mi sono stati segnalati due individui, nella frazione di Ponticino, che con la scusa di controllare gli impianti si introducono nelle abitazioni per compiere furti. Non aprite, le società pubbliche e/o gli addetti comunali non effettuano questo tipo di operazioni. Prestate attenzione ed avvertite in particolar modo i vostri anziani. Sono già state avvisate le forze dell'ordine".

L'episodio di questa mattina si è rivelato da manuale. 

"Queste due persone hanno bussato alla porta di una signora molto anziana - spiega Neri - e le hanno detto che dovevano fare delle verifiche agli impianti. Hanno parlato di onde elettromagnetiche e di fughe di gas. La signora, ingenuamente, li ha fatti entrare e quando le hanno chiesto di riporre soldi e gioielli all'interno del frigorifero per proteggerli dalle attività che stavano svolgendo, lei lo ha fatto".

Finito il "lavoro" i due falsi impiantisti se ne sono andati portandosi via tutti i soldi e i gioielli che la donna aveva messo nell'elettrodomestico credendo di salvaguardarli. 

"Sono stati chiamati i Carabinieri - spiega Neri - e ci sono indagini in corso. Laterina ha numerose telecamere e i filmati sono al vaglio degli inquirenti. Nonostante il sistema di videosorveglianza, questi individui hanno agito lo stesso: questo dimostra quanto siano spregiudicati. La preoccupazione adesso è che si muovano nel territorio, quindi è necessario fare attenzione non solo nel comune di Laterina ma anche in quelli limitrofi". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus, sono 2.207 i nuovi casi in Toscana. 48 i decessi: quattro sono aretini

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento