Quattro milioni di euro evasi al Fisco. Case, terreni e conti correnti sequestrati a due aziende

La doppia operazione è stata siglata dalla Guardia di Finanza di San Giovanni Valdarno che ha eseguito gli accertamenti nelle scorse settimane

In tutto sono quattro i milioni di euro che due differenti aziende avrebbero evaso dalle casse del fisco.
La Guardia di Finanza di San Giovanni Valdarno, al termine di complesse attività investigative, ha portato alla luce delle pesanti irregolarità di cui sarebbero state autrici due distinte realtà imprenditoriali della vallata.

Ma procediamo con ordine.

Nel primo caso i finanzieri hanno sequestrato immobili e polizze assicurative per un valore complessivo di 700mila euro.
Tutto è partito da un intervento delle fiamme gialle che, nelle settimane passate, ha avuto come protagonista una ditta attiva nel settore degli imballaggi industriali con sede a San Giovanni Valdarno. Stando a quanto accertato dai militari, l'amministratore dell'impresa avrebbe "omesso di presentare le previste dichiarazioni fiscali, al fine di occultare al fisco, oltre 2 milioni di euro". 
Ne è seguito il sequesto di edifici e polizze assicurative, misura cautelare disposta dal giudice per le indagini preliminari del tribunale di Arezzo attraverso un decreto successivo alla proposta di sequestro preventivo inoltrata dall’autorità giudizia inquirente.

La seconda attività si è invece concentrata su una società cooperativa attiva nel settore delle pulizie. Stando agli accertamenti svolti, il legale rappresentante della ditta avrebbe "utilizzato oltre 2 milioni di euro di fatture false per abbattere i ricavi e rideterminare così falsamente la propria base imponibile, generando indebiti crediti d’imposta. Sono stati così incisi dalla misura ablativa reale alcune unità immobiliari, dei terreni e le giacenze nei conti correnti dell’amministratore, fino alla concorrenza di 1 milione e mezzo di euro".

Con sentenza del giudice per l'udienza preliminare del tribunale di Arezzo, le fiamme gialle valdarnesi hanno dato seguito alla confisca di unità immobiliari, terreni e le giacenze nei conti correnti dell’amministratore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto frontale: muore giovane aretina. Grave un 46enne

  • Tragedia di Ristradelle, Helenia e il suo grande amore per gli animali. Lavorava per Enpa: "Lascia un vuoto enorme, la sua dolcezza era unica"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Stelle Michelin Toscana 2020: Arezzo presente con un ristorante storico. E con un giovane chef

  • Allarme bomba: evacuate le Poste centrali. Ma nel pacco c'è del pane

  • Cinghiale distrugge 20mila euro di cocaina nascosta sotto terra

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento