"Elezioni e riapertura scuole a rischio se aumenta la circolazione del virus". Le parole del consulente del Governo

Walter Ricciardi durante la trasmissione Agorà Estate ha affermato: "se la diffusione del coronavirus si impenna ci troveremo nelle condizioni in cui sono messe a rischio votazioni e ritorno in classe”

Walter Ricciardi, foto Ansa

La risalita dei contagi Covid in Italia fa scattare un doppio campanello d'allarme. Tale aumento, diffuso in molte parti della Penisola, potrebbe mettere a rischio la riapertura delle scuole e l’election day del 20 e 21 settembre (ad Arezzo, oltre al referendum sui tagli dei parlamentari e le regionali, sono in programma anche le elezioni comunali): a sostenerlo è Walter Ricciardi, consulente del governo, che durante la trasmissione Agorà Estate ha affermato: "se la circolazione del virus riaumenta ci troveremo nelle condizioni in cui" la riapertura delle scuole e le votazioni "sono messe a rischio”.

Purtroppo anche la provincia di Arezzo, nei giorni scorsi, ha visto una sensibile ripresa dei casi, con alcune decine di nuovi positivi dall'inizio del mese di agosto

Le parole del consulente del Governo

“Dobbiamo mettere sotto controllo - ha detto Riccardi - questa curva epidemica che si è rialzata. Da noi si è rialzata poco. Ma in altri Paesi come la Spagna e la Croazia si è rialzata moltissimo. Ecco, in quei paesi oggi non si potrebbe votare". E, come riporta Today, ha aggiunto: "In Italia ancora si" può votare. "E a maggior ragione si potrà votare se tutte le fasce di età, specie quella tra i 20 e i 40 anni, rimodificano positivamente i propri comportamenti. Se questo viene fatto sicuramente si potrà andare a votare e riprendere la scuola. Se invece questo non succede e la circolazione del virus aumenta di nuovo ci troveremo nelle condizioni, come in altri Paesi, in cui queste attività sono messe a rischio. Speriamo di no".

"L'aumento dei casi era prevedibile”, ha detto inoltre Ricciardi, "vedendo le scene di assembramenti ed era prevedibile anche che avvenisse nelle fasce più giovanili che sono quelle che si sono esposte maggiormente al contagio. L'aumento è preoccupante ma siamo ancora nella possibilità di controllarlo". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

  • Coronavirus: 1.892 nuovi casi e 44 decessi. I dati della Regione Toscana

  • Coronavirus, calo dei casi in Toscana: oggi 962 positivi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento