Sequestro E45, incontro tra sindaci e pm Rossi: "Ottimisti, attendiamo una rapida soluzione"

I sindaci di Sansepolcro, Pieve Santo Stefano e Bagno di Romagna sono stati a colloquio con il procuratore capo che si occupa della vicenda del viadotto Puleto.

Un faccia a faccia tra i sindaci della Valtiberina e il Pm Roberto Rossi per parlare della delicata situazione della E45. L'incontro ha avuto luogo questa mattina presso la Procura di Arezzo. I primi cittadini di Sansepolcro, Pieve Santo Stefano e Bagno di Romagna, Mauro Cornioli, Albano Bragagni e Marco Baccini, al termine del confronto - che si è svolto nel più stretto riserbo - hanno parlato di un colloquio che ha lasciato ottime impressioni. "Non possiamo entrare nel merito di quanto ci siamo detti - spiega Baccini - ma possiamo dire che siamo usciti confortati e ottimisti. Speriamo adesso in una rapida soluzione". 

La Procura di Arezzo sta valutando tutto il materiale raccolto dai periti che negli ultimi giorni hanno svolto una serie di sopralluoghi sul viadotto Puleto. Secondo Anas la sitauazione del viadotto sarebbe tale da permettere la riapertura parziale del traffico. Pare però che io periti della procura abbiano rilevato criticità che dovranno essere valutate bene. 

Potrebbe interessarti

  • Acqua e detersivo non bastano, come pulire la lavastoviglie

  • Zanzare, il Comune di Arezzo disinfesta: le precauzioni

  • Formiche, i rimedi naturali e non per allontanarle

  • 26 giugno 1288 | La disfatta senese alle Giostre del Toppo

I più letti della settimana

  • Trovato morto in un dirupo senza vestiti

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Si ribaltano con l'auto: incidente lungo le strade dell'Aretino. Giovane incastrata tra le lamiere

  • Chiusi dopo il caso del "tonno in ascensore". I titolari del ristorante: "Ci scusiamo, dateci fiducia"

  • Giostra, Porta del Foro torna a ruggire: dopo 12 anni porta a casa la lancia

  • È Giostra, alle 21,15 la decisione. Sopralluogo del quartieri sulla lizza - LIVE

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento