E45, un anno fa il crollo della piazzola. I residenti: "Area ancora abbandonata a se stessa"

Dopo il crollo partirono nuove indagini della Prcura sulla E45. Accertamenti conclusi 10 mesi dopo, a dicembre, quando partirono anche  gli avvisi di garanzia.

Era l'11 febbraio del 2018 quando la piazzola sulla E45, proprio sopra Pieve Santo Stefano, franò. E passato un anno da allora e tre persone sono state iscritte sul registro degli indagati. Ma quella piazzola franata verso le case è rimasta lì: delimitata da mesi dalla recinsione arancione posta dai Carabinieri forestali della Procura.

Dopo il crollo partirono nuove indagini della Prcura sulla E45. Accertamenti conclusi 10 mesi dopo, a dicembre, quando partirono anche  gli avvisi di garanzia per Oliviero Roccocapo centro Anas Firenze,  Massim Pinelli, capo nucleo Firenze e Antonio Scalamandré, responsabile compartimento della Toscana. 

Ma ad oggi le condizioni di quella piazzola sono rimaste tali e quali a quelle di 365 giorni fa. A testimoniarlo anche l'ironica lettera che una residente ha condiviso nel gruppo Facebook Vergogna e 45: 

"Cara piazzola franata, era l'11 febbraio di un anno fa quando hai mosso i tuoi primi passi verso valle, con queste foto volevo dirti buon compleanno! Pare che tutti si siano dimenticati di te, ma non chi ti è vicino ....

Un attimo di gloria c'è lo hai avuto ma, fattene una ragione, ci sono ponti, viadotti e strade abbandonate, messi molto peggio di te e tu non crei abbastanza disagi...forse un giorno qualcuno, oltre a chi sta qui sotto, si ricorderà. Tu intanto sta lì ferma, mi raccomando!"

I residenti della zona sottostante, tengono costantemente d'occhio l'area posto sotto sequestro: "Fortunatamente - spiega Erika Dori, una delle amministratrici del gruppo - non sono stati notati ulteriori movimenti. Siamo abbastanza tranquilli. Ma non possiamo fare a meno di chiederci: come si può lasciare una frana così dopo un annpo?".

L'inchiesta della Procura

I tre indagati sono  accusati di non aver effettuato interventi strutturali urgenti finalizzati a scongiurare una situazione di pericolo: negligenza, imprudenza e anche imperizia sarebbero i capi di imputazione. Le fessurazioni del manto stradale era infatti già state segnalate dal 2014 all'Anas da un cittadino, che la stessa Prefettura di Arezzo aveva sollecitato Anas a controllare e l'unico intervento disposto fu la copertura superficiale delle fessurazione, senza alcun monitoraggio, pare,  della situazione e nessuna verifica. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fu per questo, secondo la Procura, che si arrivò al crollo dell'intera piazzola tra le uscite Pieve Santo Stefano Sud e Pieve Santo Stefano Nord. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento