menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
controlli-notte-polizia(7)

controlli-notte-polizia(7)

Droga tra le stoviglie e soldi nascosti da vecchi abiti, Polizia scopre casa dello spaccio. Un arresto

La droga era nascosta tra le stoviglie. I soldi provenienti dallo spaccio si trovavano occultati in una sacca coperta da vecchi abiti. Quello che era invece impossibile nascondere era il via vai di persone nell'appartamento di un 29enne che è...

La droga era nascosta tra le stoviglie. I soldi provenienti dallo spaccio si trovavano occultati in una sacca coperta da vecchi abiti. Quello che era invece impossibile nascondere era il via vai di persone nell'appartamento di un 29enne che è finito in manette per detenzione e spaccio di droga.

La "casa dello spaccio" era nella centralissima via Garibaldi. Qui gli agenti della Polizia di stato che da tempo pedinavano S.S., tunisino, avevano notato un continuo viavai di persone - conosciute alle forze dell'ordine come tossicodipendenti - che, con una certa circospezione, entravano ed uscivano dall'appartamento.

Così i poliziotti hanno deciso di approfondire ancora la situazione e approfittando di un momento in cui il giovane si stava apprestando a uscire per strada lo hanno bloccato e identificato. Il ragazzo aveva precedenti riconducibili a reati di detenzione e spaccio di droga. Sono scattate così una perquisizione personale e una nell'abitazione. E proprio nella casa dal via vai continuo, sono stati trovati 40 grammi di eroina e cocaina, un bilancino di precisione adibito al confezionamento delle dosi. La sostanza e lo strumento erano stati nascosti in un cassetto della stanza da pranzo, confusi tra stoviglie ed oggetti solitamente usati in una normale cucina. Un nascondiglio che non ha confuso gli occhi esperti degli agenti.

I poliziotti, a quel punto, hanno trovato strano che nell'abitazione non vi fossero contanti provento delle "vendite". Nessuna banconota addosso al giovane e niente nell'abitazione. Allora anno approfondito ancora le ricerche. E' stato così che hanno scovato un borsone nero sommerso sotto un ammasso di vecchi indumenti, bagagli e arredi in disuso. All'interno interno c'erano quasi 8mila euro in banconote di piccolo e medio taglio: gli incassi dello "smercio".

Accompagnato in Questura, il giovane è stato tratto in arrestato e condotto in carcere a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

La Toscana produrrà vaccini anti Covid

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

  • Calcio

    Arezzo-Matelica. Le pagelle di Giorgio Ciofini

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento