Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Allestiva bazar della droga vicino al cavalcavia di via Arno, arrestato. Cocaina ed eroina nascoste nella vegetazione

Un uomo di 49 anni è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Arezzo

 

Aveva allestito un vero e proprio bazar della droga sul vialetto soprastante il cavalcavia di via Arno. Ci andava in bicicletta ogni giorno alle 12 e rimaneva lì fino alle 18 circa. Vendeva cocaina ed eroina e tante sono state le cessioni documentate dai poliziotti della Squadra mobile di Arezzo durante la loro attività di osservazione, al termine della quale  lo spacciatore, un 49enne pluri pregiudicato di origini tunisine, è finito in manette. 

L'arresto è avvenuto nella giornata di ieri. Da giorni gli inquirenti stavano osservano i suoi movimenti. L'uomo aveva messo a punto una particolare metodologia di spaccio che gli consentiva di sfuggire ad eventuali controlli delle forze dell’Ordine. Il 49enne, infatti,  prima di ogni singola cessione di stupefacente, si addentrava in un boschetto adiacente al cavalcavia e confinante con la ferrovia. Proprio in quell’area verde, caratterizzata da una folta vegetazione e dalla presenza di numerosi rifiuti, nascondeva la droga.

Il lavoro degli operatori della Squadra Mobile ha permesso in primo luogo di accertare tre cessioni di eroina e cocaina ad altrettanti giovani tossicodipendenti e successivamente di individuare il nascondiglio. Le sostanze erano occultate in una buca scavata in prossimità di un albero: qui è stato ritrovato un ovetto in plastica contenente 12 involucri termosaldati di cocaina e 5 di eroina.

Nella giornata di ieri il 49enne, dopo aver provato a fuggire tra la vegetazione, è stato bloccato ed arrestato per poi essere portato presso la locale Casa Circondariale. In data odierna si è svolto il giudizio di convalida a seguito del quale è stata disposta la misura cautelare degli arresti domiciliari.

Potrebbe Interessarti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento