menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Droga dall'Albania alle coste del Brindisino, uno dei referenti viveva ad Arezzo. Chiesta una condanna a 7 anni

Sono 10 in tutto le persone coinvolte: uno di questi è un albanese residente ad Arezzo che era un punto di riferimento per chi dall'Albania riforniva i trafficanti brindisini

La droga arrivava dall'Albania a bordo di motoscafi. Era diretta nelle coste del Brindisino: fra Torre Guaceto e Santa Sabina. E' qui che la Guardia di Finanza di Brindisi l'ha sequestrata dando il via ad una imponente operazione volta a sgominare quella che l'accusa non ha esitato a descrivere come una associazione a delinquere. Dieci persone furono arrestate, otto brindisini e due albanesi, uno dei quali residenti ad Arezzo. Oggi presso la Corte d’Appello di Lecce è stata avanzata la richiesta di confermare le condanne inflitte in primo grado. Ovvero condanne che vanno dai 14 anni, la più pesante, a 7 anni, la più mite chiesta proprio per l'uomo che risiede ad Arezzo, accusato di essere un referente in loco dei fornitori. 

La difesa, le accuse e i ruoli

Come riporta oggi BrindisiReport , secondo i pubblici ministeri Guglielmo Cataldi e Valeria Farina Valaori, titolari del fascicolo d’inchiesta chiamata Griko, ruolo di primo piano sarebbe stato assunto da un brindisino 50enne che avrebbe “diretto e organizzato il sodalizio finalizzato  al trasporto via mare della marijuana, per l’ingresso sul territorio italiano” in contatto diretto con gli albanesi. A lui avrebbe fatto diretto riferimento un altro brindisino che si faceva trovare “presente ai punti di sbarco della droga”. Sempre secondo questa ricostruzione, partecipe nel ruolo di “fornitore del gommone e del motore, sarebbe stato un terzo uomo, sempre brindisino, incaricato di occuparsi del rifornimento di benzina. Seguendo l’organigramma tracciato dalla procura, gli albanesi sarebbero stati i “referenti in loco dei fornitori” del loro Paese.

Gli arresti e gli sbarchi

Gli arresti risalgono al 30 giugno 2017. I militari della Guardia di Finanza hanno ricostruito gli sbarchi nei pressi di Torre Guaceto e Torre Santa Sabina avvenuti nei mesi precedenti sino ad arrivare alla contestazione legata all’esistenza di un sodalizio finalizzato al narco traffico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Toscana zona gialla da quando? Gli scenari

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento