Dorme rannicchiato per terra in via Rismondo. L'altra faccia di Arezzo

Sono stati i consiglieri Angelo Rossi e Meri Stella Cornacchini ad inviare la segnalazione ai servizi sociali, all'assessorato competente e alla polizia locale

"Davanti al portone della scuola IV novembre, in via Rismondo, si consuma quotidianamente questo dramma. Una città e una società che vogliono chiamarsi civili non possono permettersi l'indifferenza".

Con queste poche parole, il consigliere comunale Angelo Rossi ha portato alla luce una situazione particolarmente delicata che racconta la storia di chi, col disagio vero, è costretto a viverci gomito a gomito.

La persona ritratta nell'immagine di copertina è un uomo, di età non meglio identificata e che da un anno a questa parte, stando alle testimonianze rese da chi frequenta la zona, dorme rannicchiato per terra di fianco alla soglia di un portone che si affaccia su una delle traverse di via Vittorio Veneto.

Una scena particolarmente toccante che è stata prontamente segnalata ai servizi sociali del Comune di Arezzo dalla consigliera Meri Stella Cornacchini. Attraverso una e-mail è stato richiesto l'intervento dei servizi sociali, della polizia locale e l'attivazione dell'assessorato di competenza.

"Non è possibile - continuano ancora i consiglieri Rossi e Cornacchini - vedere queste scene in giro per la città e non intervenire".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le classifiche dalla serie C alla Terza categoria | 2019/2020

  • Fermato su una Bmw con targa rumena: colpiva i turisti. Scoperto con la "luce nera"

  • Sceicco accusa azienda aretina: "Io truffato per 6 milioni di euro"

  • Un gelo epocale: quando in provincia di Arezzo il termometro arrivò a -30°

  • Schianto tra auto: tre feriti. Allertato l'elisoccorso Pegaso

  • Infortunio sul lavoro a Pescaiola: aretino portato a Siena con Pegaso

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento