Dopo la prima neve, c'è il pericolo ghiaccio sulle strade. Le immagini da Palazzo del Pero

La prima neve del 2017 si è fermata a pochi chilometri dalla città di Arezzo. Una bufera di fiocchi di qualche decina di minuti ha imbiancato Palazzo del Pero e la campagna circostante, le frazioni vicine, la strada che porta alla Rassinata, i...

neve-palazzo-delpero

La prima neve del 2017 si è fermata a pochi chilometri dalla città di Arezzo. Una bufera di fiocchi di qualche decina di minuti ha imbiancato Palazzo del Pero e la campagna circostante, le frazioni vicine, la strada che porta alla Rassinata, i tetti delle abitazioni, i campi. Per la verità qualche timido fiocco si è avvistato anche nel centro di Arezzo ma forse era più che altro portato dal vento gelido di queste ore.

Palazzo del Pero, salita alla ribalta dei meteo nazionali nei giorni scorsi per il record della temperatura minima che ha toccato il - 10,4 è stato dunque il primo paese del Comune di Arezzo a vedere la neve in questo nuovo anno, così come le vette di Lignano e Poti.

Dopo pranzo, complice anche un tiepido sole, la neve ha cominciato a sciogliersi. Le strade sono rimaste pulite, a parte alcuni tratti in ombra dove si è formata una poltiglia in mezzo alla carreggiata.

Il Comune di Arezzo ha messo in moto mezzi spazzaneve e spargisale per evitare problemi alla circolazione, anche nei tratti più innevati salendo da Palazzo del Pero. In funzione anche tutto il servizio viabilità della Provincia di Arezzo impegnato in Valdichiana e Valtiberina.

Adesso il pericolo maggiore è rappresentato dal ghiaccio. Con l’abbassamento delle temperature in serata e nella notte si formeranno grosse lastre molto pericolose per le auto in transito e per questo si raccomanda la massima prudenza alla guida.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche il Soccorso Alpino e Speleologico della Toscana lancia l'allarme "vetrato":

A seguito dell’arrivo delle basse temperature che proseguiranno anche nei prossimi giorni e dei vari sopralluoghi avvenuti in questi giorni da parte dei volontari, il Soccorso Alpino e Speleologico Toscano lancia l’allerta “vetrato”.
 Per vetrato s’intende lo strato di ghiaccio trasparente (verglas) che si forma sul terreno o sulle rocce.
 Questo fenomeno riguarda tutti gli itinerari, i sentieri, delle Alpi Apuane e di tutto il crinale dell’Appennino.
 A causa di quest’aumento di criticità e di pericolo, si consiglia ai frequentatori la massima attenzione e le competenze per affrontare la montagna in questo periodo.
 Il Soccorso Alpino ricorda che è indispensabile l’attrezzatura idonea (quale piccozza e ramponi) e di informarsi sempre presso i rifugi ed il sito del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico o del SAST.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento