menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Anziano si perde nel bosco, provvidenziale l'intervento dei carabinieri per ritrovarlo

I militari di Sansepolcro hanno guadato il torrente Afra per recuperare il 75enne che era rimasto incastrato in un cespuglio spinoso

Un uomo disperso nei boschi del comune di Sansepolcro è stato ritrovato. È successo oggi, in località Montagna. L'uomo, un pensionato 75enne di nazionalità olandese, è stato individuato in un'area boschiva quando erano circa le 20 dai carabinieri di Sansepolcro che hanno dovuto guadare il torrente Afra per portarlo in salvo. L'uomo è stato poi affidato alle cure mediche del personale del 118 che ha provveduto a verificarne lo stato di salute.

La ricostruzione dei fatti

Sono le 15 di venerdì, quando l’uomo si avvia per una passeggiata nella frazione “Montagna”. Parcheggiata la macchina all’altezza di Monte Casale, s’incammina per un sentiero perdendosi tra i boschi. Telefono cellulare spento e buio pesto sono i segnali che inducono la moglie dell’uomo a contattare il 112 attorno alle ore 19. Sul luogo dell’intervento viene inviata una pattuglia della radiomobile della Compagnia di Sansepolcro. I militari, consapevoli di dover fare in fretta perché i minuti sono contati, si precipitano sul posto. Date le condizioni meteorologiche avverse, la rigida temperatura e considerata l’avanzata età del malcapitato è di vitale importanza avviare immediate ricerche sul terreno. 

I carabinieri setacciano le sterpaglie addentrandosi nel bosco con le torce e facendosi spazio tra i rovi. La vegetazione è fitta e il tempo stringe, i militari urlano il nome del malcapitato nel tentativo di stabilire un contatto quantomeno uditivo ma il forte rumore del fiume Afra rende difficile l’impresa: è in piena a causa delle copiose precipitazioni dei giorni precedenti. È fondamentale mantenere calma e la lucidità, i militari uscendo dal bosco si portano verso il fiume, sperando di migliorare la visibilità, urlano poi di nuovo il nome del disperso. Sono circa le 21 quando dalla sponda opposta del fiume sentono un filo di voce, un sottile lamento quasi impercettibile provenire da un rovo, puntando la torcia in quella direzione scorgono la sagoma di uomo impigliata in un cespuglio spinoso e radente all’argine del fiume. I militari hanno previdentemente portato al seguito una lunga corda, utile equipaggiamento in situazioni come questa, la vincolano dunque con un nodo scorsoio a un albero poi, mentre un collega fa sicurezza, l’altro guada le acque alte e gelide dell’Afra per raggiungere il settantacinquenne. L’uomo appare stanco e scosso, è rovinato tra le sterpaglie qualche ora prima. Il carabiniere che aveva guadato per primo il corso d’acqua dà ausilio al secondo per farsi raggiungere, entrambi con una difficile manovra liberano il pensionato dai rovi. Dopo averlo tranquillizzato lo assicurano alla corda e gli forniscono sostegno per attraversare il corso d’acqua, poi lo accompagnano verso l’autombulanza per le cure mediche del caso.

Al termine della vicenda, l’anziano si rivolge ai militari con parole gratificanti: “Per il buio non avevo capito che a soccorrermi foste voi carabinieri, non vi smentite mai ragazzi, siete stati fantastici!”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Il mistero di Coco Chanel, vera influencer prima dei social

  • Psicodialogando

    Sono stato tradito da mia moglie. E adesso?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento