Cronaca

Materiali da demolizione e scarti edili ammassati a cielo aperto: scattano i sigilli

L'operazione è scattata a Castel San Niccolò dove i carabinieri forestali sono intervenuti per eseguire controlli sul terreno di un privato

All'interno hanno trovato rifiuti di vario genere e scarti da demolizione.

Sono stati i carabinieri forestali della stazione di Castel San Niccolò, insieme ai colleghi della sezione di polizia giudiziaria della procura di Arezzo, a scoprire e sequestrare un'area dove si trovavano degli scarti speciali.

I sigilli sono scattati su un perimetro di circa 6000 metri quadrati. Qui, secondo quanto documentato e riportato dai forestali, si trovavano scarti derivanti dalle attività di costruzione, demolizione e manutenzione.

L’operazione è scattata nelle prime ore del mattino quando i militari si sono presentati sul posto. Con loro anche il proprietario del terreno. Insieme hanno eseguito un sopralluogo del sito "constatando - come sottolineano i carabinieri - la presenza di migliaia di metri cubi di rifiuti da demolizione, rottami ferrosi e in plastica, batterie esauste, pannelli fuori uso, mezzi meccanici per l’edilizia in disfacimento, malte cementizie, gessi e altre sostanze polverulente a cielo aperto in parte sparse sul suolo, rottami in legno e oltre un migliaio di metri cubi di rifiuti terrosi privi di tracciabilità".

Data l'importante quantità di rifiuti, la loro eterogeneità i militari hanno sottoposto l'intera area a sequestro penale preventivo.

"Al momento - spiegano i carabinieri forestali - la misura è stata eseguita nei confronti dell’attuale proprietario ma non si escludono altre eventuali responsabilità qualora dovessero emergere dalle successive indagini".

Le immagini dell'operazione dei carabinieri forestali

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Materiali da demolizione e scarti edili ammassati a cielo aperto: scattano i sigilli

ArezzoNotizie è in caricamento