Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Dirigente della squadra mobile trova tre ladri in casa e li arresta

Furto in casa del dirigente della squadra mobile della questura di Arezzo Giovanni Schettino. Tre malviventi si erano introdotti nella sua abitazione nel corso della giornata di ieri, a segnalare movimenti sospetti nei pressi della casa (non...

Furto in casa del dirigente della squadra mobile della questura di Arezzo Giovanni Schettino.

Tre malviventi si erano introdotti nella sua abitazione nel corso della giornata di ieri, a segnalare movimenti sospetti nei pressi della casa (non lontano dalla questura) un congiunto di Schettino.

E' stato lo stesso dirigente ad arrestare i tre banditi, di nazionalità georgiana, residenti nel Pisano.

L'identikit dei tre arrestati:

K. G., nato in Georgia nel 1988 alias K. D., nato in Lituania nel 1988 alias G. H. nato in Georgia nel 1988, alias H. G. nato in Georgia nel 1988, residente a Pisa, con precedenti per furto in abitazione, ricettazione, violazioni degli obblighi inerenti il soggiorno, richiedente asilo;

2. J. K. nato in Georgia nel 1975, ivi residente, in Italia dal 16 giugno 2017;

3. M. O. alias L. N., nato in Georgia nel 1989, residente a Pisa, con precedenti per minaccia, danneggiamento, furto aggravato, furto in abitazione, rapina, ricettazione, falso; violenza, minaccia e resistenza a pubblico ufficiale, false attestazioni a pubblico ufficiale, non in regola con le norme sul soggiorno degli stranieri.

La ricostruzione della questura

I tre uomini sono stati sorpresi mentre tentavano di scassinare la porta di un appartamento, in una zona residenziale del capoluogo aretino.

Mentre due dei malfattori, dopo aver pagato regolarmente il parcheggio servendosi dei parcometri automatici, aspettavano in auto, il terzo uomo, esperto in effrazioni, aveva raggiunto la porta dell'appartamento posto ad un piano alto del condominio e, dopo aver bussato alla porta, nella convinzione che la casa fosse disabitata, ha iniziato ad armeggiare con la serratura.

All'interno dello stabile, invece, gli occupanti, resisi conto di quanto stava accadendo, in assoluto silenzio, hanno dato l'allarme ed hanno chiesto l'intervento della Polizia di Stato.

Gli operatori di Polizia, mentre si recavano sul posto, rimanendo in costante contatto telefonico con la vittima del tentativo di furto, hanno suggerito di chiudere il chiavistello manuale della porta blindata, per impedire comunque ai ladri l'ingresso nell'appartamento.

Probabilmente quest'ultima manovra ha prodotto dei rumori che hanno insospettito i ladri e che sembrava stessero desistendo nella convinzione di essere stati scoperti; ma i due equipaggi della Squadra Mobile, giunti in pochissimo tempo sul posto, hanno bloccato i tre malfattori, già a bordo della loro vettura.

L'immediata perquisizione dei tre soggetti, perfettamente corrispondenti alla descrizione fornita dalla vittima, non ha lasciato adito a dubbi sulla loro colpevolezza. In loro possesso sono stati trovati infatti il grimaldello, le chiavi inglesi e le piastre con cui stavano tentando di forzare la porta dell'appartamento.

Gli occupanti dell'abitazione aggredita, invitati ad uscire di casa ed a seguire gli operatori in ufficio per formalizzare la denuncia, hanno constatato, assieme ai poliziotti, di essere rimasti bloccati in casa poiché la porta d'ingresso era stata irrimediabilmente danneggiata dal tentativo di furto.

Solo grazie all'intervento di un vicino di casa che ha messo a disposizione il proprio balcone, la vittima è potuta uscire e raggiungere gli uffici di Polizia.

Ieri mattina, l'arresto dei tre georgiani è stato convalidato dal Giudice che ha disposto la loro immediata liberazione e l'obbligo di dimora, con permanenza notturna nel comune di Pisa.

Prima che i tre georgiani si allontanassero dagli uffici di Polizia, il Questore di Arezzo ha notificato loro il divieto di ritorno nel comune capoluogo fino al 10 luglio 2020.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dirigente della squadra mobile trova tre ladri in casa e li arresta

ArezzoNotizie è in caricamento