Venerdì, 23 Luglio 2021
Cronaca

Ci sono 31 nuovi casi di variante nell'Aretino, D'Urso: "Occhio in vacanza, aumentano contatti e rischi"

In meno di tre giorni, da martedì 20 alle prime ore di oggi giovedì 22 luglio, i casi accertati di varianti sono 31, la maggior parte delta (18), il resto inglese (13)

Antonio D'Urso, direttore generale della Asl Toscana Sud Est

Mentre prosegue l'espansione dei nuovi positivi in Toscana, toccando quota 505 nuovi casi in regione (il picco dallo scorso 20 maggio, quando i contagiati giornalieri erano stati 559), dalla Asl Toscana Sud Est arriva l'aggiornamento per quanto riguarda il numero di casi di variante registrati in provincia di Arezzo.

L'esplosione delle varianti

In meno di tre giorni, da martedì 20 alle prime ore di oggi giovedì 22 luglio, i casi accertati di varianti sono 31, la maggior parte delta (18), il resto inglese (13). Come per l'ultimo report - quando si erano contati 27 casi delta in 4 giorni - si può notare come quasi tutti i nuovi casi Covid registrati nell'Aretino siano imputabili a mutazioni, più resistenti e contagiose, rispetto alle precedenti versioni del coronavirus.

I dati delle varianti fornite oggi dalla Asl sono infatti relative ai casi positivi dei giorni scorsi: quelli di circa una settimana fa (perché poi ci sono i tempi tecnici delle analisi a Siena), quando i nuovi casi giornalieri in provincia erano una decina, poco più o poco meno. Quindi i 31 casi di variante accertati oggi sono tutti (o quasi) i nuovi casi riscontrati una settimana fa nell'Aretino.

Variante delta: il quadro a Siena e Grosseto

Nel resto dell'area vasta la situazione è anche peggiore: nel Senese i nuovi casi nello stesso arco di tempo sono 46 (26 inglese e 20 delta), nel Grossetano 37 (27 infglese e 10 delta). A questi numeri vanno sommati i casi positivi di cittadini residenti fuori dalle tre province (3 variante inglese e 1 delta) oltre ad altri 17 casi di variante Covid che ancora sono in attesa di sequenziamento per la valutazione del tipo.

Il direttore generale della Asl Antonio D'Urso vede negli assembramenti senza mascherina durante gli Europei e nei rientri da vacanze poco accorte ("in vacanza ci sono più contatti tra le persone che favoriscono un incremento dei casi"), due dei principali motivi della proliferazione delle varianti sul territorio.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ci sono 31 nuovi casi di variante nell'Aretino, D'Urso: "Occhio in vacanza, aumentano contatti e rischi"

ArezzoNotizie è in caricamento