Delitto del fiume, tabulati telefonici al vaglio per ricostruire gli ultimi contatti di Katia

Il mistero è ancora fitto. Sulla morte di Katia Dell'Omarino ci sono ancora molti punti oscuri. Troppi. E i carabinieri del nucleo investigativo stanno lavorando alacremente su tutti i fronti. Katia, 41enne biturgense, una vita sopra le righe e in...

Il mistero è ancora fitto. Sulla morte di Katia Dell'Omarino ci sono ancora molti punti oscuri. Troppi. E i carabinieri del nucleo investigativo stanno lavorando alacremente su tutti i fronti. Katia, 41enne biturgense, una vita sopra le righe e in salita, è stata trovata senza vita martedì mattina, abbandonata in una piccola scarpata che finisce sul greto del torrenta Afra. Un luogo ameno che d'estate è frequentato dai bagnanti che non si perdono l'irrinunciabile tuffo nel fiume. E a poco più di un chilometro la sua casa, dove viveva con la madre.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
La 41enne è stata trovata riversa, con la testa fracassata da almeno due colpi (uno in fronte e uno dietro l'orecchio, emerge dalla prima ispezione cadaverica). Ma dell'arma nessuna traccia: l'intera zona del ritrovamento è stata battuta palmo palmo. Gli uomini dell'Arma hanno cercato ovunque, compresi i due bidoni della spazzatura che si trovano all'imbocco della stradina. Niente. Domani mattina sarà l'autopsia a chiarire che tipo di arma l'ha colpita: un martello? Una piccozza? Oppure una pietra? L'esame autoptico potrà dire qualcosa in più anche sull'ora della morte (ipotizzata tra la mezzanotte e le cinque del mattino) e forse rivelare tracce dell'assassino (fondamentale per questo l'esame del dna che verrà effettuato da una genetiste). Quella stradina infatti spesso è frequentata da coppiette che si appartano e Catia potrebbe essere arrivata lì in compagnia di qualcuno. Intanto ieri una Tac eseguita sul cadavere ha escluso che a procurare le ferite alla testa siano stati dei colpi di pistola.

Adesso gli inquirenti attendono i tabulati telefonici, già richiesti dagli inquirenti al gestore del servizio, dai quali potrebbe emergere se nelle ultime ore di vita della donna ci siano stati contatti (telefonate o sms) con qualcuno in particolare. Purtroppo il cellulare è scomparso e, a meno che non venga ritrovato, non sarà possibile accedere ai contenuti, compresi i testi dei messaggi.

Im questi giorni sono stati ascoltati familiari e amici della donna. Compreso un uomo che aveva frequentato. Ma non ci sarebbero ancora indagati per la terribile morte di questa donna che a Sansepolcro conoscevano in molti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento