Delitto del fiume, sentite oltre 150 persone: verso la richiesta di nuovi campioni di dna. "Ma non sarà un secondo caso Yara"

Le persone sentite ormai sono oltre 150. Prosegue, senza sosta, il lavoro dei carabinieri della tenenza di Sansepolcro. La caccia all'assassino di Katia Dell'Omarino non si ferma. Dai primi dieci profili genetici confrontati con il dna lasciato...

katia dell'omarino

Le persone sentite ormai sono oltre 150. Prosegue, senza sosta, il lavoro dei carabinieri della tenenza di Sansepolcro. La caccia all'assassino di Katia Dell'Omarino non si ferma. Dai primi dieci profili genetici confrontati con il dna lasciato dal killer sul corpo della 41enne non è emerso nessun riscontro positivo. Ma non si tratta di una battuta d'arresto delle indagini. Anzi. Quotidianamente vengono sentite nuove persone: indagini tradizionali, svolte con discrezione. E poi antenne alzate rispetto a tutto quello che accade nella cittadina biturgense: la raccolta di informazioni nei locali che la donna frequentava, l'attenzione verso di ogni dettaglio che riconduca alla sera dell'11 luglio, ovvero l'ultima sera di Katia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le intenzioni degli inquirenti sarebbero quelle di restringere ulteriormente il campo tra le conoscenze della donna (la maggioranza delle persone ascoltate sarebbero uomini) prima di richiedere ulteriori campioni di dna. Si vorrebbe dunque evitare un nuovo caso Yara, affermano gli inquirenti, puntando dritto verso persone che hanno avuto contatti più stretti con lei.

Un lavoro necessario soprattutto in seguito all'assenza di immagini dalla telecamera della Polizia Municiapale. Già ribattezzata telecamera "della vergogna", istallata proprio di fronte la stazione della municipale, vicino all'ufficio anagrafe del comune, la notte del delitto non funzionava. Un guasto che pesa come un macigno sulle indagini. Perché quasi sicuramente la 41enne, in auto con il suo carnefice, è percorso quella strada. E se avesse funzionato nel giro di poche ore probabilmente gli inquirenti avrebbero avuto elementi importanti sui quali lavorare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento