Cronaca Piazza Carlo Zucchi

Davide, l'agente ferito a Saione, cammina senza stampelle: "Calvario di 3 mesi. Ma sto per tornare"

A inizio maggio aveva ricevuto anche un premio. La violenta aggressione risale alla fine di febbraio: intervenne dopo un litigio in strada in piazza Zucchi e rimediò la frattura del perone. Finalmente è tornato ad appoggiare il piede destro

Davide Frondaroli ha lasciato le stampelle dopo 3 mesi, a breve potrà tornare in servizio. L'agente della polizia locale di Arezzo, rimasto ferito in un corpo a corpo con un delinquente lo scorso 22 febbraio, è infatti tornato a poggiare a terra il piede che si era rotto, ma dovrà ancora attendere un po' prima di rimettersi la divisa e tornare in pattuglia: sta seguendo un percorso di recupero delicato, più complicato del previsto: "Ho evitato l'operazione - racconta - ma purtroppo le lesioni riportate sono state importanti e la riabilitazione più lunga di quel credevo. Il peggio, fortunatamente - è alle spalle".

Rompe la gamba a un agente dopo un litigio con la fidanzata

La notte del ferimento

Sono passate le 23 di venerdì 22 febbraio quando arrivano le prime segnalazioni al comando della polizia locale di Arezzo. "Correte, un uomo sta picchiando una ragazza in mezzo alla strada". Un giovane sta violentemente litigando con una donna in piazza Zucchi a Saione. E' sua moglie. Al momento dell'arrivo degli agenti, però, il confronto, per quanto acceso, è soltanto verbale. I vigili tentano di riportare la calma. Chiedono i documenti, provano ad identificare i due. L'uomo è un 28enne tunisino e ha alle spalle precedenti per furto: si ribella agli agenti, che estraggono anche una bomboletta di spray al peperoncino per cercare di difendersi dagli strattoni del 28enne. Ma la sostanza non sortisce effetti, anzi. Il tunisino finisce a terra ma con un calcio ben assestato, prima che i poliziotti riescano ad ammanettarlo, colpisce uno dei due alla gamba destra. La vittima è Davide Frondaroli, che rimedia la frattura del perone. Dopo l'arresto, il ferito viene portato al pronto soccorso.

Davide, l'agente che a Saione ci ha rimesso un osso

Il 28enne ancora in carcere

L'aggressore, convalidato l'arresto, viene processato pochi giorni dopo. Rimedia una condanna a due anni e sei mesi. E adesso si trova in carcere. Dopo la notte di follia a Saione, per Frondaroli inizia invece un lungo e complicato percorso di riabilitazione. Che passa dal gesso e dalle stampelle. Tre lunghi mesi prima di tornare a passeggiare. E nel frattempo fisioterapia in palestra prima e in piscina poi. Ancora non è finita, ma il tunnel è quasi attraversato. "Non vedo l'ora di tornare a disposizione", dice. E nel frattempo, a inizio maggio, ha anche ritirato un premio per la sua azione: "Dedicato ai colleghi che come me hanno subito aggressioni svolgendo il proprio compito".

Davide Frondaroli premiato dopo il ferimento di Saione

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Davide, l'agente ferito a Saione, cammina senza stampelle: "Calvario di 3 mesi. Ma sto per tornare"

ArezzoNotizie è in caricamento