menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crac Banca Etruria, Confconsumatori: "Altri 18 risparmiatori chiedono di essere parte civile"

Si aggiungono ai 230 risparmiatori per i quali Confconsumatori aveva già curato la costituzione di parte civile nella fase dell'udienza preliminare.

All'udienza di questa mattina, martedì 2 aprile ad Arezzo, del processo per la bancarotta fraudolenta di Banca Etruria, il collegio difensivo di Confconsumatori – composto dagli avvocati Mario Marengo, Antonio Mastrota e Marco Festelli – ha proceduto a chiedere la costituzione di parte civile di ulteriori diciotto risparmiatori – tra cui cinque grossetani e due livornesi – per un totale di richieste danni pari ad altri 350mila euro.

Questi si aggiungono ai 230 risparmiatori per i quali Confconsumatori aveva già curato la costituzione di parte civile nella fase dell'udienza preliminare. Il processo è stato rinviato al 19 aprile per consentire l'esame degli atti alle difese dei 16 imputati che non hanno scelto il rito abbreviato come i primi cinque già condannati.

"A questo punto si sono chiusi i termini di costituzione di pare civile. E Confconsumatori prosegue la propria assistenza per i risparmiatori vittime di Banca Etruria: non appena verrà emanato il decreto attuativo del Fir – il Fondo indennizzo risparmiatori, di recente istituzione – procederà a contattare i propri associati per la presentazione della domanda di accesso al fondo". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Anthony Hopkins a Cortona dopo l'Oscar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Coppie che scoppiano, anche a Hollywood

  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento