Cronaca

Crac Banca Etruria, Ghinelli: "Presenteremo una nuova domanda per costituirsi parte civile"

Non è finita. Il Comune di Arezzo ha intenzione di presentare nuovamente la domanda per essere parte civile nel processo per il crac di Banca Etruria. All'indomani della decisione del gup Giampiero Borraccia, il quale ha ammesso tutti i circa 2500...

LA VELA2

Non è finita. Il Comune di Arezzo ha intenzione di presentare nuovamente la domanda per essere parte civile nel processo per il crac di Banca Etruria. All'indomani della decisione del gup Giampiero Borraccia, il quale ha ammesso tutti i circa 2500 risparmiatori ma ha escluso sia le associazioni che li rappresentavano sia i comuni di Arezzo e Castiglion Fiorentino, il sindaco Ghinelli esce allo scoperto e annuncia: "Si presenteremo ancora la domanda".

E poi spiega il perché: "E' un nostro diritto sostenere il danno subito dalla città. Io rappresento i cittadini di Arezzo e Arezzo stessa, questa vicenda, per come è stata veicolata sui mezzi di comunicazione, ha portato un forte nocumento ai cittadini. L'immagine della città è stata fortemente deteriorata e le stesse aziende hanno subito i danni derivanti da questa situazione".

Poi l'affondo: "Arezzo sulla stampa nazionale è stata dipinta come una città di banditi o allocchi, cosa che ovviamente non è. E il danno di immagine è stato superiore a quello patrimoniale".

I legali del Comune potranno presentare di nuovo la domanda nella fase del dibattimento.

Intanto il procedimento va avanti, mercoledì 29 novembre in calendario una nuova udienza durante la quale prenderà la parola il pubblico ministero.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crac Banca Etruria, Ghinelli: "Presenteremo una nuova domanda per costituirsi parte civile"

ArezzoNotizie è in caricamento