Drive through Indicatore, l'appello: "Non scendete dall'auto per chiedere informazioni, violate le norme sanitarie"

La nuova sede si è spostata al mercato ortofrutticolo di Indicatore, nella zona dell'interporto. L'allarme lanciato dalla farmacia del paese

"Escono dalla propria auto ed entrano in farmacia per chiedere dove si trova la postazione allestita per il drive through. Vanno in giro per il paese a chiedere informazioni. E questo non va bene". Questo è l'allarme lanciato dal dottore della farmacia di Indicatore.

Da qualche giorno infatti la sede del drive through di Arezzo è cambiata nuovamente. L'Asl infatti ha lasciato il parcheggio Baldaccio per attivare il nuovo sito di prelievo al mercato ortofrutticolo di Indicatore, zona interporto. Questo ha destato qualche problema per i residenti e i commercianti del paese alle porte della città. Fin dai primissimi giorni infatti, alcune persone, chiamate a sottoporsi al tampone, hanno avuto difficoltà ad individuare l'area allestita per il drive through e hanno chiesto informazioni alla farmacia del paese in primis, ma anche ad altre attività commerciali e ai residenti. Questo tipo di comportamento non è consentito, in quanto chi riceve la convocazione per sottoporsi al tampone non deve in alcun modo abbandonare la propria auto e, ovviamente, deve indossare correttamente la mascherina. Inoltre, dopo il tampone, devono far immediatamente ritorno a casa. 

"Vanno in giro per il paese a chiedere informazioni, entrando nei bar, dal parrucchiere e nelle altre attività commerciali del paese. Ci sono stati anche episodi difficili, quando chi era in fila ha capito che queste persone erano lì per sottoporsi al tampone e liberamente chiacchieravano con i passanti senza alcun problema. Così facendo si vanificano gli sforzi della Asl per limitare il rischio di contagio oltre a violare le norme sanitarie vigenti in questo momento".

La questione è stata prontamente segnalata alle autorità competenti e al comando della Polizia municipale che ha provveduto ad un presidio costante e a un miglioramento delle indicazioni per individuare più facilmente la zona predisposta ai tamponi.

L'appello della farmacia di Indicatore

"Nei giorni scorsi la Asl ha attivato un sito di prelievo al mercato ortofrutticolo, zona interporto. La modalità scelta, quella del drive through, mette in massima sicurezza gli operatori sanitari chiamati a praticare il tampone. In pratica al cittadino viene eseguito il prelievo senza scendere dalla propria auto. 
Purtroppo fino dalla giornata di lunedì si sono verificati sgradevoli episodi di aperta violazione delle norme sanitarie: in più occasioni alcuni individui convocati ad eseguire il tampone sono scesi dal proprio veicolo e hanno chiesto informazioni a inermi passanti o peggio sono entrati negli esercizi commerciali del paese per avere indicazioni stradali. Chi viene convocato per eseguire il tampone non deve abbandonare il proprio veicolo, altrimenti vanificherà tutti gli sforzi fatti dalla Asl per limitare il rischio di contagio, esponendo tutti noi abitanti ad un rischio enorme. Abbiamo avvisato le forze dell'ordine e tempestivamente la Polizia municipale ha implementato i controlli (lunedì dopo la segnalazione hanno mandato una pattuglia all'ingresso dell'interporto). Purtroppo anche oggi qualcuno ha dimostrato di essere estremamente refrattario alle norme, presentandosi da noi (fortunatamente fermato all'esterno) chiedendo informazioni stradali per raggiungere il sito per i tamponi. Si raccomanda di prestare attenzione e di segnalare alle forze dell'ordine simili comportamenti, perché potenzialmente pericolosi per la salute pubblica. È inutile che si adottino sistemi costosi ma sicuri se poi pochi elementi allergici alle regole vanificano il lavoro di tutti. Non fate finta di niente, certi individui mettono in pericolo la salute pubblica. Siamo tutti stanchi, ma è il momento di prestare attenzione. Coraggio!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • In aula insieme ad Angelo. La storia di una classe tornata sui banchi per non lasciare solo l'amico

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento