Nuovo dpcm, attesa finita. Ghinelli: "Da domani le restrizioni". Regioni divise in tre zone

Dal coprifuoco alla didattica a distanza. Dalla chiusura di mostre e musei a quella dei centri commerciali nel fine settimana. Ecco tutte le novità annunciate nel decreto

"Siamo in attesa che venga firmato dal presidente del Consiglio il testo del dpcm che è stato annunciato e che entrerà in vigore a partire da giovedì 5 novembre fino al 3 dicembre. Non conosciamo ancora di quale delle tre zone, rossa, arancione, verde, entrerà a far parte la Toscana, in ogni caso ci aspetta un altro periodo di restrizioni ulteriori". Il sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli ieri sera si era rivolto con queste parole agli aretini, in attesa della firma del dpcm da parte del presidente del consiglio Giuseppe Conte. Con un messaggio, pubblicato sul proprio profilo Facebook, aveva poi  annunciato le novità che aspettano gli aretini e tutti gli italiani da domani. "Dal divieto di uscire dalla propria abitazione a partire dalle 22, alla chiusura di mostre e musei, cinema e teatri, al coefficiente di riempimento per i mezzi pubblici non superiore al 50%, alla conferma della chiusura alle 18 per bar e ristoranti, a quella delle medie e grandi strutture di vendita nei weekend e nei giorni festivi, al 100% di didattica a distanza  nelle scuole superiori. Misure più stringenti per quelle aree il cui tasso di contagio abbia raggiunto valori critici". 

La lunga notte però ha portato importanti novità: il primo ministro ha siglato il provvedimento. Non era ancora scattata la mezzanotte e durante la serata si era verificata una serrata dei governatori di alcune Regioni contro parte dei provvedimenti. Ma il documento è stato firmato e domani entrerà in vigore. 

Ad Arezzo, intanto, a preoccupare in modo particolare il primo cittadino erano stati i dati del contagio. L'epidemia infatti sembra non arrestarsi: i casi positivi sono sempre molto numerosi e i ricoveri all'ospedale San Donato sono arrivati a quota 123.

"Rimangono importanti i numeri dei nuovi casi di positività al Covid: 268 in provincia, 149 dei quali in città. Una diffusione del virus che interessa tutte le fasce d’età e che si manifesta con intensità diverse, dalla totale mancanza di sintomi alle conseguenze più gravi che portano al ricovero al San Donato di un sempre maggior numero di pazienti, con il rischio di aumentare le criticità delle strutture ospedaliere. Davvero dobbiamo fare tutto il possibile, ognuno per le proprie competenze e per le proprie responsabilità, tutti per senso civico e rispetto, per arginare, frenare, contrastare il diffondersi del virus".

Il nuovo decreto

Il nuovo decreto che quest'oggi sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale, è rimasto fedele alla bozza anticipata nella giornata di ieri, ad eccezione di una norma che sulle aperture dei parrucchieri nelle zone rosse.

 Il sindaco Ghinelli nel suo messaggio ha parlato di attesa per conoscere in quale delle tre zone entrerà a far parte la Toscana. "Ma per avere un quadro preciso delle zone rosse e quindi dei territori a rischio lockdown - ha chiarito l'agenzia AdnKronos ieri sera - si dovranno attendere i dati dell'Istituto superiore di sanità previsti per oggi. Lo stesso viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, sposta in avanti le lancette per la classificazione delle regioni in base ai fattori di rischio. Sarà quindi tramite l'incrocio determinato da Rt e l'indice di rischio di ciascuna realtà regionale, definito dai 21 parametri stabiliti dal ministero della Salute, che verrà stilato l'elenco delle regioni in zona rossa, zona arancione e zona verde. A ogni 'zona' corrisponderanno regole diverse partendo da quelle più restrittive delle aree rosse a quelle delle aree verdi".

Se sarà in zona verde, per gli aretini e per i toscani non cambierà nulla.  Se la regione scivolerà in zona arancione ci saranno numerosi irrigidimenti per quanto riguarda gli spostamenti. Come riporta il Corriere della Sera, la bozza prevede che nelle zone arancioni (o di livello 3): "sarà vietato ogni spostamento, in entrata e in uscita, dalla Regione (salvo che per comprovate esigenze di lavoro, salute e urgenza). Saranno consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita, e sarà consentito il rientro nel proprio domicilio o nella propria residenza; sarà vietato ogni spostamento in un comune diverso da quello di residenza, domicilio o abitazione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità o per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesi e non disponibili nel proprio comune;  saranno sospese le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio".

Se invece la Toscana finirà in zona rossa (o di livello 4) - ipotesi al momento non probabile - le limitazioni saranno importanti: quasi un lockdown. Sarà vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Regione e anche all’interno del territorio stesso (sempre salvo necessità e urgenza); saranno chiusi i negozi al dettaglio, tranne alimentari, farmacie, edicole; chiusi i mercati di generi non alimentari;
chiusa l’attività di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie: resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio, nonché fino alle ore 22,00 la ristorazione con asporto;  sospese le attività sportive, anche svolte nei centri sportivi all’aperto;  è consentito svolgere individualmente attività motoria (passeggiate) in prossimità della propria abitazione, nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona e con obbligo di mascherina; è altresì consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto ed in forma individuale;  attività scolastica in presenza per scuola dell’infanzia, elementare e prima media.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento