"La pandemia ha allungato le liste d'attesa per gli interventi di protesi all'anca. Peggiorate le condizioni dei pazienti"

Intervista di Adnkropnos ad Alessandro Calistri, ortopedico e traumatologo specializzato in chirurgia dell'anca e ricercatore. Collabora anche con il San Giuseppe Hospital di Arezzo

Con l'aumento dei contagi e lo spettro di un nuovo lockdown, torna l'allarme per lo stop agli interventi non urgenti per dare spazio all'assistenza ai malati Covid in ospedale. Un problema già vissuto ad aprile-maggio, che potrebbe ripresentarsi e che allarma i chirurghi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La situazione creata dalla pandemia ha causato una contrazione degli interventi di protesi, perché si è dato più spazio alle operazioni salvavita. Questo, ad esempio, ha avuto delle conseguenze sui pazienti bisognosi di una protesi d'anca: si sono allungate le liste d'attesa e poi sono peggiorate le condizioni dei pazienti". A fare il punto - riporta l'Adnkronos - è Alessandro Calistri, ortopedico e traumatologo specializzato in chirurgia dell'anca e ricercatore del dipartimento di Scienze anatomiche istologiche medico legali e dell'apparato locomotore dell'Università Sapienza di Roma. In Italia il numero di interventi di protesi di ginocchio e di anca è in continua crescita negli ultimi anni: si è passati da 103mila nel 2001 a oltre 190mila nel 2016 (inclusi anche gli interventi per protesi di spalla e caviglia). Molto spesso si arriva alla protesi per l'artrosi all'anca, una condizione che provoca l'usura della cartilagine e dell'osso sottostante, determinando la perdita progressiva dell'autonomia deambulatoria. "C'è oggi un grossa necessità di interventi ricostruttivi all'anca e al ginocchio. L'immobilità per chi aspetta una protesi fa peggiorare le situazioni cliniche. Lo stop alle operazioni per dare priorità all'emergenza Covid ha determinato il peggioramento di tantissimi quadri clinici, molti pazienti ci hanno detto di aver avuto un tracollo fisico durante il lockdown e siamo preoccupati per quello che potrà accadere con una nuova serrata", aggiunge Calistri, che collabora anche con il San Giuseppe Hospital di Arezzo, convenzionato con il Ssr della Toscana.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1823 casi in Toscana. 15 i decessi in 24 ore

  • Dilettanti, è ufficiale: stop ai campionati

  • Covid. Ecco la nuova ordinanza regionale. Giani: "Verso didattica a distanza e presenze contingentate nei centri commerciali"

  • Coronavirus nell'Aretino: +252 casi oggi. I contagi per comune. Esauriti i posti in Terapia intensiva al San Donato

  • Dilettanti, ecco i campionati costretti allo stop

  • 92 nuovi positivi nell'Aretino, più della metà nel capoluogo. Salgono a 79 i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento