menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Toscana verso la zona arancione, impennata dell'Rt. Sansepolcro a rischio zona rossa

Il sindaco Cornioli fa appello ai concittadini: "I casi stanno crescendo e per evitare la zona rossa dobbiamo scongiurare gli assembramenti e i comportamenti a rischio"

 Verso la zona arancione a partire da domenica. I dati sull'andamento dell'epidemia non lascerebbero molto dubbi. La Toscana,  dopo cinque settimane di zona gialla, potrebbe dunque tornare arancione. La conferma è attesa nelle prossime ore, quando dovrebbe pronunciarsi l'Istituto superiore di Sanità. A rendere sempre più vicina questa possibilità è la crescita dell'Rt: nella scorsa settimana è stato di 1,09, con un intervallo di confidenza che va da 1,04 a 1,15. E i dati di oggi sembrano andare a confermare ulteriormente questo trend. Come ha comunicato già sul suo profilo Facebook il presidente della Regione Eugenio Giani, infatti, "I nuovi casi registrati in Toscana sono 894 su 19.422 test di cui 12.306 tamponi molecolari e 7.116 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 4,60% (9,0% sulle prime diagnosi)". 

Stando ai dati della Fondazione Gimbe, le situazioni più critiche sarebbero quelle delle province di Pistoia, Siena, Massa Carrara e Livorno, che hanno i più alti tassi di contagi in rapporto alla popolazione. Intanto nell'Aretino è scattata l'allerta per la scoperta di tre casi di varianti (due brasiliane e una inglese). Due di queste sono emerse da tamponi eseguiti a Sansepolcro, su persone che hanno stretti contatti con l'Umbria, regione che si trova da alcune settimane a fronteggiare una impennata di casi, tanto da dover decretare la zona rossa. E anche Sansepolcro starebbe rischiando di scivolare indietro, proprio per alcuni focolai che sono stati scoperti negli ultimi giorni. Per questo il sindaco Mauro Cornioli ieri ha lanciato un appello ai propri concittadini:

"I casi stanno crescendo e per evitare la zona rossa dobbiamo scongiurare gli assembramenti e i comportamenti a rischio. La raccomandazione per tutti è quindi di collaborare in questo senso, di rispettare le regole e di uscire solo per necessità. E’ il momento davvero di dimostrare il senso civico di Sansepolcro. Tutto ciò che verrà deciso, sarà frutto di una condivisione tra istituzioni. Procediamo compatti nell’interesse dei cittadini e della salute pubblica. Ognuno faccia la sua parte".“

Per martedì prossimo è stato programmato l'avvio di uno screening di massa della popolazione, per cercare di scovare nuovi contagi e tracciare i contatti, circoscrivendo eventuali situazioni critiche.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Il menestrello Grifo, il 'morto resuscitato' del castello di Poppi

  • Psicodialogando

    Perché sono affascinanti le donne mature?

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento