Addio movida, dopo il Dpcm arriva anche l'ordinanza del sindaco: "Niente maxi area pedonale nel week end"

"Il dpcm del 13 ottobre -spiega Ghinelli - ha come obiettivo quello di contrastare gli assembramenti causati dalla cosiddetta movida e impone dopo le 21 il solo consumo al tavolo per bar, gelaterie, pasticcerie, pub e ristoranti"

Tornano le misure restrittive per combattere la nuova ondata di Coronavirus. E' stata revocata dal sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, l’ordinanza che dal settembre scorso prevedeva la pedonalizzazione di alcune strade e piazze del centro nelle serate di venerdì e sabato.

La direttrice principale coinvolta era costituita dall’asse via Roma-via Crispi ma coinvolgeva anche tratti importanti di via Guido Monaco, via Cavour e via San Lorentino.

“La soluzione – dichiara il sindaco Alessandro Ghinelli – adottata nell’ambito di un progetto più ampio di rilancio e ripresa economica, dopo l’emergenza Covid primaverile, denominato ‘Arezzo non molla e riparte’, era stata pensata per consentire ai gestori delle attività di ristorazione di occupare suolo pubblico grazie al posizionamento di tavoli e sedie, propedeutico alla somministrazione esterna di alimenti e bevande. Dalle 7 di sera a mezzanotte. È chiaro adesso che i contenuti dell’ultimo decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri non lasciano molti margini. Il dpcm del 13 ottobre, infatti, ha come obiettivo quello di contrastare gli assembramenti causati dalla cosiddetta movida e impone dopo le 21 il solo consumo al tavolo per bar, gelaterie, pasticcerie, pub e ristoranti".

Questo dunque il contesto nel quale è maturata la decisione, condivisa con i vertici della Polizia Municipale e anche con le categorie economiche, alla revoca del provvedimento.

"Con il comandante della polizia municipale abbiamo provveduto alla revoca dell’ordinanza 612 del 7 settembre 2020, la cui validità peraltro scadeva proprio in corrispondenza del prossimo fine settimana, in ciò confortati anche da Confcommercio che, sentiti i propri aderenti e ringraziando l’amministrazione comunale per quanto attuato finora, ha chiesto l’interruzione dell’iniziativa. Il Comune sdi Arezzo si è inoltre adeguato, confermando la linea di collaborazione inter-istituzionale sempre seguita, all’invito del Prefetto che, a seguito della riunione del Comitato tecnico per l’ordine e la sicurezza pubblica dello scorso 8 ottobre, ha raccomandato agli enti locali di svolgere ogni funzione atta a disincentivare condotte configgenti con le misure finalizzate al contenimento della pandemia. Proseguiremo su questa strada, confidando nell’attività di controllo degli agenti della polizia municipale e soprattutto sul grande senso di responsabilità di cui gli aretini, ne sono certo, continueranno a dare ottima prova”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento