Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Bucine

Rsa di Bucine, fine dell'incubo Coronavirus: tutti gli ospiti sono guariti

Il sindaco Benini: "Da domani lavoriamo per il ritorno alla normalità nella nostra Rsa. Un grazie sincero a tutti gli operatori della Rsa che con competenza e grande sacrificio hanno reso possibile questo risultato"

E' la fine di un incubo. Quello nel quale hanno perso la vita numerosi anziani. Dopo settimane drammatiche oggi Bucine tira un  sospiro di sollievo: anche gli ultimi degenti della residenza assistenziale Fabbri Bicoli sono guariti dal Coronavirus.

A darne l'annuncio è stato il sindaco Nicola Benini sulla pagina Facebook istituzionale del Comune. 

La Asl  - si legge in un posto delle 13,30 di oggi, domenica 7 giugno - ci ha appena comunicato che anche gli ultimi 3 degenti della Rsa che erano rimasti positivi sono guariti, quindi ad oggi nessun degente della Rsa di Bucine risulta positivo al Covid-19. Da domani lavoriamo per il ritorno alla normalità nella nostra Rsa.
Un grazie sincero a tutti gli operatori della Rsa che con competenza e grande sacrificio hanno reso possibile questo risultato.

Il ritorno alla normalità sarà un percorso lungo e delicato. La rsa, i suoi ospiti, gli operatori e le famiglie di degenti e personale sono stati messi a dura prova. 

Morti alla rsa: i familiari presentano un esposto

I decessi e l'inchiesta della procura di Arezzo

Nella struttura che ospita anziani, a partire da inizio marzo si è sviluppato un focolaio dell'epidemia. In due mesi 11 degenti hanno perso la vita. Il contagio era partito dal settore che ospitava i malati di Alzheimer, per poi propagarsi al piano superiore. Anche numerosi operatori sanitari sono stati contagiati e nella gestione della struttura era subentrata la Asl per dare un supporto. 

Dopo i primi contagi e i primi decessi, i familiari della vittime hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica, per capire se ci sia stata qualche responsabilità nella diffusione del virus.

L'inchiesta della procura: ipotesi di omicidio colposo plurimo

Su queste morti, e su quelle che sono avvenute alla casa di riposo di Montevarchi, la Procura ha aperto un fascicolo: l'ipotesi di reato è omicidio colposo plurimo. E lo scorso 27 maggio i militari dei nuclei antisofisticazioni dei Carabinieri si sono recati nella struttura e presso il comune di Bucine per acquisire i documenti necessari per l'inchiesta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rsa di Bucine, fine dell'incubo Coronavirus: tutti gli ospiti sono guariti

ArezzoNotizie è in caricamento