Coronavirus, verso una "quarantena light": da due settimane a 10 giorni. Oltre 600 aretini in isolamento

Al vaglio degli esperti del Comitato tecnico scientifico l'ipotesi di ridurre i giorni di isolamento. Entro stasera la decisione su calcetto, sport di contatto e feste private

I tempi della quarantena si accorceranno: da due settimane a 10 giorni. E' quanto previsto nella bozza del nuovo dpcm che dovrebbe essere approvato entro questa sera. I dettagli di questo provvedimento sono stati anticipati nei giorni scorsi e probabilmente uno degli aspetti che andrà ad interessare di più i cittadini sarà proprio quello legato ai giorni di isolamento. 

Nel territorio della Toscana sud est, stando all'ultimo bollettino diramato dalla Asl, ieri c'erano 3760 persone che si trovavano in isolamento domiciliare. Molti sono aretini: 674 in tutta la provincia. Sono positivi al coronavirus o contatti diretti di positivi. Tra questi ci sono anche tanti studenti - chiusi in casa con le loro famiglie - che attendono che il periodo di quarantena si concluda.

L'agenzia di stampa Ansa ha spiegato nel dettalgio quali sono le novità che dovrebbero essere inserite nel provvediemento: i positivi per uscire dall'isolamento non avranno più bisogno del doppio tampone negativo, ne basterà soltanto uno. Sarà una circolare del direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute Giovanni Rezza a spiegare le nuove modalità.

Nel frattempo i comitato tecnico scientifico ha individuato 4 diverse tipologie di situazioni: i positivi asintomatici, i positivi sintomatici, i positivi asintomatici che non riescono a negativizzarsi e i contatti stretti.
I primi, spiega Today,  dovranno osservare 10 giorni di quarantena, dalla diagnosi di positività, e poi sottoporsi ad un tampone molecolare. Anche i sintomatici dovranno fare 10 giorni di isolamento, ma prima di sottoporsi all'unico tampone molecolare previsto dovranno aver passato almeno 3 giorni senza sintomi. Per i contatti stretti, dopo 10 giorni di quarantena, sarà invece possibile effettuare il test rapido dai medici di base. 

Gli altri provvedimenti del decreto

Al vaglio del comitato tecnico scientifico e del consiglio dei ministri anche la stretta alla movida. Oltre agli orari dei locali e alla sosta all'esterno (che dalle 21 in poi potrebbe essere vietata), verrà valutato il divieto di fare feste nelle abitazioni private. Un provvedimento che però starebbe destando molte perplessità.

Infine sono state annunciate nuove regole per gli sport da contatto cone calcetto o basket che potrebbero fermarsi. Nessun problema invece pare profilarsi all'orizzonte di chi pratica sport considerati "idividuali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

  • Toscana "in arancione" da domenica 6 dicembre. Giani: "Abbiamo dati da zona gialla ma restiamo accorti"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento