Cronaca

Quarantena e paradossi: "Noi positivi, nostra figlia negativa: ma deve restare in casa rischiando di contagiarsi"

La storia di una famiglia aretina che da inizio ottobre è in isolamento: "Abbiamo chiesto chiarimenti, ma nessuno ci ha mai risposto. Adesso non sappiamo cosa dobbiamo fare mentre nostra figlia aspetta ancora il secondo tamopone"

Mamma e babbo positivi al Coronavirus. La loro bimba, di 5 anni e mezzo, negativa. Una quarantena iniziata nei primi giorni di ottobre, prima ancora della conferma della positività, e dalla quale non sanno quando usciranno. Con un paradosso: "L'impossibilità di trovare una soluzione alternativa per la bambina che pur essendo negativa deve restare in casa e con noi - racconta la mamma - rischiando il contagio".  E' anche questa una delle "storie di quarantena" che gli aretini stanno vivendo. Sono centinaia e centinaia ormai in tutta la provincia le persone in isolamento per la positività al virus o per essere semplicemente contatti stretti di persone contagiate. 

La storia di questa famiglia che vive nel comune di Arezzo inizia il 9 ottobre. "Io e mio marito - racconta Anna (nome di fantasia) - alcuni giorni prima avevamo sintomi da Covid. Abbiamo deciso di restare a casa e atteso il tampone. Lo abbiamo fatto ed è risultato positivo. Anche la nostra bimba lo ha fatto: era debolmente positiva". Vista l'incertezza del tampone della piccola, la Asl ha ricontattato la famiglia per eseguire solo su di lei un secondo accertamento. "Che in questo caso è risultato negativo". Da allora però la famiglia è rimasta chiusa in casa, sotto lo stesso tetto, senza riuscire a ricontattare gli uffici. 

"Doveva essere eseguito per prassi un terzo tampone sulla bambina, per confermare la negatività.  A quel punto avremmo voluto tutelarla, perché rimanendo con noi si poteva contagiare. Ma dal 12 ottobre non è stato fatto nulla, perciò adesso la bambina potrebbe essere positiva e potrebbe dover intraprendere un percorso diverso". 

La giovane mamma, che lavora nella sanità, ha tentato di contattare tutti i numeri telefonici preposti. "Non ho avuto risposte - dice -, ho inviato anche almeno 5 e-mail. La cosa paradossale è che dopo ogni mail mi ha richiamato un medico diverso, al quale ho spiegato nuovamente tutta la situazione. Ma nessun provvedimento è stato preso. Quindi adesso aspettiamo di sapere quando dovremo rifare i prossimi tamponi. E se noi ci fossimo negativizzati ma la bambina fosse stata contagiata, dovremo ricominciare l'isolamento da capo". 

Una storia infinita. Con tante domande, ma nessuna risposta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quarantena e paradossi: "Noi positivi, nostra figlia negativa: ma deve restare in casa rischiando di contagiarsi"

ArezzoNotizie è in caricamento